[IT] Pensateci un attimo prima di installare iTunes 8… ovvero: la funzione Genius che tanto geniale non è!

Ecco a voi iTunes 8!
Giorno 9 settembre 2008 Steve Jobs ha tenuto il simpatico keynote annuale a San Francisco, dal titolo “Let’s Rock“, durante il quale ha presentato i nuovi iPod (come ogni settembre) e il nuovo, entusiasmante, fantasmagorico iTunes 8.

Nei giorni subito precedenti avevo letto tonnellate di rumors sulla nuova funzione “Genius” di iTunes 8, che mi avrebbe permesso di fare una cosa che sogno da tempo: creare una playlist tutta in sintonia con un’unica canzone da me scelta.

Ad esempio, metti caso che avessi voglia di ascoltare musica “alla Simply Red“: scelgo una canzone di suddetto gruppo ed iTunes mi compila al volo una bella playlist di x canzoni sullo stesso stile. Per chi, come me, possiede una libreria gigante, una funzione del genere sarebbe utilissima per scoprire e riscoprire la propria musica senza sforzi.

E colpito da un assalto di speranza, pensavo: “Figata, finalmente la Apple si ricorda di noi amanti di iTunes come organizzatore di musica“. Ma la delusione era dietro l’angolo.

Le odiose freccette non si disattivano più!
Appena uscito, leggo (in questo post su Macosxhints) che non è possibile disattivare quelle odiose freccette grigie che ti permettono di cercare sull’iTunes Store ogni canzone della tua libreria. Fino ad iTunes 7.7 era possibile farlo direttamente dalle preferenze, con iTunes 8 non più, perché hanno razionalizzato un po’ tutti i menù e rimosso parecchie opzioni giudicate (in questo specifico caso a torto) inutili.

Ma se per Mac esiste un semplice workaround per farle sparire (indicato nel post di cui sopra), per Windows non è tutto rose e fiori. Pare che iTunes salvi le preferenze nel registro di Windows in formato hex, per cui non è propriamente una passeggiata andare ad individuare quella relativa alle freccette e segarla brutalmente.

Già questa prima scoperta ha iniziato a logorare la mia idea di installare iTunes 8 sul mio mp3server basato su Windows Vista.

Genius.. ma de che?
A quel punto, mi sono detto: “Vabbè, vediamo almeno com’è questa funzione Genius, magari è davvero utile come dice la Apple e nel caso posso cercare di convivere con quelle anti-estetiche freccette o impegnarmi per trovare un hack per rimuoverle“. E ho installato iTunes 8 sul mio Mac per sperimentarlo prima di ingolfare il mio mp3server.

Un macigno è caduto sulla mie rimanenti buone intenzioni.

In sintesi:
1. Genius funziona soltanto se sul computer dove installate iTunes 8 vi è una connessione internet attiva;
2. Genius è una sorta di last.fm integrato in iTunes, ovvero basa i propri suggerimenti sul suo database online, che al momento, essendo una novità, non sarà particolarmente ricco; inoltre, Genius si basa sui gusti degli altri utenti, per cui, alla stregua di last.fm, è decentemente efficiente solo se ascoltate musica famosa;
3. Per usare Genius, avete bisogno di un account sull’iTunes Store;
4. Per far sì che Genius compia il suo lavoro, la prima volta che lo attivate iTunes invia alla Apple l’intero database della vostra libreria, pratica che, per quanto sia specificato che il tutto avviene in maniera anonima, a molti farà storcere il naso.

Alla luce dei fatti, Genius è una grande delusione, almeno per il mio utilizzo.

Se sui punti 3 (l’account sullo Store lo avevo da tempo) e 4 (lo .xml della mia libreria iTunes più grande pesa più di 200mb e il doverlo inviare via DSL mi inquieterebbe parecchio, ma se ne valesse la pena….) ci posso passare sopra, sui primi due punti no.

Punto primo: non ho internet sul computer dove risiede la mia musica, per cui Genius è inutilizzabile.

Punto secondo: anche più in là, quando il database centrale di Genius si popolerà di informazioni, dubito che conterrà informazioni e suggerimenti sulla musica che ascolto io, che per la maggior parte è sconosciuta o musica libera (netlabels, jamendo…per giunta taggata precisa e a gusto mio, non soltanto unzippata e aggiunta ad iTunes, come fa il 98% della popolazione -> tags diversi -> nessun suggerimento), per cui Genius per me sarebbe ancora meno utile dell’inutile last.fm (che almeno qualche netlabel la indicizza).

Già immagino la valanga di popup come quello in alto che mi apparirebbero. Leggiamone il messaggio d’errore insieme:

Genius non è disponibile per il brano x. Se selezioni Aggiorna Genius dal menu Store, i risultati di Genius verranno aggiornati. Se, dopo l’aggiornamento, iTunes non è ancora in grado di identificare questa traccia, seleziona un altro brano o artista.

Se volevo dei suggerimenti su un’altra traccia o un altro artista, avrei scelto quello no? Bah.

Come dovrebbe essere Genius per essere davvero un genio!
E’ presto detto. Innanzitutto segare la necessita di interfacciarsi con lo Store o al massimo renderla opzionale, e poi creare una serie di algoritmi che vadano ad analizzare, brano per brano, tutta la musica presente nella nostra libreria (= uso offline!), e che la cataloghino in base a parametri quali, che so, tempo, durata, forma d’onda e via dicendo.

Un Genius di questo tipo sarebbe davvero geniale, perchè:
– funzionerebbe anche senza connessione internet attiva;
– funzionerebbe su tutti i brani, a prescindere dai tags o dalla notorietà degli stessi;
– potrebbe identificare i brani univocamente.

Ma forse chiedo troppo :-(

Un ulteriori considerazioni su iTunes 8:
Genius a parte, la traduzione italiana di iTunes 8 è davvero approssimativa e poco curata, speriamo in un repentino bugfix.

Conclusioni:
Per il momento mi tengo stretto iTunes 7.7 sul mio mp3server, sperando che in futuro introducano delle funzioni per cui valga la pena rischiare un update. Allo stato attuale delle cose e per l’uso “pro” che ne faccio io, iTunes 8 è una delusione.

Potete approfondire le altre migliorie (?) introdotte in iTunes 8 leggendo i seguenti posts (in inglese ma ricchi di screenshots):
First Impressions: iTunes 8 (Cult Of Mac)
Secrets & Features of iTunes 8 (iLounge)

Fonti immagini:
Let’s Rock flyer: computerworld.com
Genius screenshot: apple.it

About these ads

13 risposte a [IT] Pensateci un attimo prima di installare iTunes 8… ovvero: la funzione Genius che tanto geniale non è!

  1. D@nSelm scrive:

    e io che volevo torna a winzozz solo per genius!!! :lol:

  2. eldino scrive:

    sei ancora in tempo a far girare itunes 8 con wine ;)

  3. innovatel scrive:

    In effetti la funzione sarebbe anche utile e sensata … il problema è come lavora. Speriamo che risolvano il tutto con degli upgrade di iTunes :)

  4. MaxMiglio scrive:

    Informazioni anonime un bel piffero…

  5. eldino scrive:

    @MaxMiglio:
    beh fin quando qualcuno non dimostra il contrario, il send della libreria avviene in maniera anonima ;) il dubbio è lecito ma fin quando non abbiamo conferme in merito, restano illazioni ;)

  6. Davex scrive:

    per quanto possa essere d’accordo, sulla non completa efficacia di Genius, credo che i suggerimenti letti qui siano di fatto impossibili da realizzare, difficilmente sarà possibile studiare un algoritmo che faccia quel tipo di scansione, e comunque anche fosse, dubito che i risultati siano poi soddisfacenti, anzi..
    Cmq aspettiamo ancora un pò di tempo prima di giudicare un servizio che di fatto è uscito da nemmeno una settimana.

  7. eldino scrive:

    @davex:
    Invece un algoritmo già esiste ed è implementato in un programma chiamato Tangerine. Questo shareware fa da mesi quello che fa Genius da 1 settimana e senza necessità di connessione internet, soltanto che:
    a. è un programma che si interfaccia con iTunes ma non esattamente integrato con esso (non essendo sviluppato da Apple);
    b. è solo per Mac;
    c. si paga.

    Trovi maggiori info qua:
    http://cultofmac.com/a-nifty-altenative-to-itunes-genius-suggestion-engine-tangerine/2739

    Se la Apple acquistava questo software e lo incastonava in iTunes invece di farselo da sè, sicuramente Genius sarebbe stato più geniale :)

  8. [...] scuse: Songbird sa caricare (sì: intendo sincronizzare) pure gli iPod: iTunes 8… leggete qui: Genius non è così geniale… Staremo a [...]

  9. Gimmy scrive:

    Occorre puntualizzare che la connessione internet serve solo la prima volta, poi basta riavviare e non è più necessaria. Esatto: Genius è geniale perché funziona anche senza internet (se no come funzionerebbe sugli iPod?)

  10. eldino scrive:

    @Gimmy:
    mhh ne dubito, anche se io ho abbandonato il test dopo 2 ore che inviava dati (ho librerie piuttosto grosse). un tizio su macosxhints o altro forum europeo su mac & co ha impiegato 38 ore per inviare totalmente con una adsl una libreria da 400gb di musica. inquietante (non la libreria, è molto + piccola della mia).

    E cmq, ammesso che sia come dici tu, penso che ogni volta che aggiungi/togli musica alla tua libreria, genius deve comunque reinviare tutti i dati di nuovo alla Apple, per cui resta un metodo fatto male rispetto ad una roba tipo Tangerine (shareware per Mac OS), che analizza le canzoni e ti crea le playlist in base alla loro forma d’onda. Quindi no internet e no agli altri problemi che ho evidenziato in questo post ;)

  11. Gimmy scrive:

    Sì, in effetti librerie grosse danno problemi, e devi rinviare dati ogni tanto, ma se hai una libreria normale non è male. Insomma, diciamolo: è tutto un pretesto per fare un account sul loro Store, in modo di far comprare altra musica. Hai ragione, ma vorrei che qualcuno mi dicesse quanto bene funziona questo Tangerie…

  12. Mirdjan scrive:

    non mi ricordo come si chiamava, ma una volta avevo usato una radio online tipo lastfm, ma questa ricordo aveva la caratteristica (che mi era piaciuta moltissimo) di poter indicare al programma sia quando ne aveva azzeccata una in modo particolare, che quando invece aveva decisamente toppato ^^
    una cosa simile su genius lo renderebbe davvero davvero geniale, o se non altro gli impedirebbe di fare lo stesso errore due volte, permettendo all’algoritmo di base di modificarsi e plasmarsi sull’utente in modo quasi PERSONALE

    un genius che quasi ti CONOSCE sarebbe una figata no? :P

  13. eldino scrive:

    @gimmy:
    Tangerine è un principalmente tool orientato ai djs a cui viene comodo poter ordinare la musica in base ai bpm (battiti per minuto) = per una nicchia di persone esigenti = probabilmente fa bene il suo sporco lavoro. Cmq per farsene un’idea penso basti scaricarlo e provarne la trial ;)

    @mirdjan
    vero, sarebbe fighissimo e molto efficiente come sistema. La Apple ha gli sviluppatori e la “testa” per arricchire così tanto iTunes, basta che lo voglia. Un Genius con i contro cazzi unito ad iTunes farebbe davvero faville come mediaplayer ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 77 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: