[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 9 / Configurare Ubuntu 10.10 come eBook reader

22/03/2011

Il netbook che possedevo prima, un Asus eeePC 701, non aveva un hard disk tradizionale, ma un SSD (Solid State Disk) da 4 Gb, per cui potevi usarlo e “maltrattarlo” come ti pareva che non rischiavi nulla, essendo privo di parti meccaniche in movimento. Il mio nuovo Samsung N145-JP01, invece, monta un hard disk tradizionale da 2.5′, che per quanto pensato ad un uso “raw” in mobilità, resta comunque un hard disk standard, cioè con parti meccaniche in movimento durante l’uso, e necessita di qualche accorgimento onde evitare che si rompa, per cui non è esattamente consigliato per leggere, ad esempio, disteso sul letto, col netbook in posizioni strampalate (obliqua, laterale etc).

Per aggirare questo problema senza spendere un centesimo, installerò Ubuntu 10.10 su una chiavetta USB e la configurerò adeguatamente per uso eBook reader. Ogni volta che vorrò leggere, mi basterà fare il boot da suddetta chiavetta e disattivare l’hard disk interno, fine :) Le pendrive usb, essendo basate su memorie flash esattamente come gli SSD, non hanno parti in movimento, per cui posso inclinarla e maltrattarla come mi pare che non le succede assolutamente nulla, mentre spegnendo l’hard disk lo preservo da qualsiasi botta, movimento o posizione brusca :) Figata no? Ecco un video che riassume tutto:

Bene, spiegato per sommi capi l’obiettivo da raggiungere, entriamo nel dettagli.

Leggi il seguito di questo post »


[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 8 / Installare Ubuntu 10.10 senza intaccare Windows

07/03/2011

Ho testato Ubuntu 10.10 sul mio Samsung N145 Plus (N145-JP01) e va benone, viene riconosciuto tutto l’hardware, inclusa la scheda wireless, che funziona persino direttamente da live cd. L’unica cosa che non va, com’era prevedibile, sono i tasti funzione e l’applet di Gnome per il controllo della luminosità dello schermo. Per farli funzionare, ovviamente ci vorrebbe qualcuno che creasse un kernel appositamente patchato per questo modello di netbook o dei drivers, così come è accaduto per gli Asus eeePC, ma considerate le scarse possibilità che ciò accada, tocca accontentarci i pochi tasti funzione che funzionano out-of-the-box, tipo quelli del volume (FN+destra, FN+sinistra).

Dove installare Ubuntu 10.10? Se siete degli “estremisti”, potete brasare Windows Seven ed installarlo sull’hard disk, o al limite in dual boot. Io, invece, avrei optato volentieri per un’installazione su scheda SDHC Classe 6 (le più veloci), ma visto che, come spiegavo qua, il Samsung N145 Plus non non supporta (ancora?) il boot da card reader, mi tocca ripiegare su una comune (e molto più lenta) pendrive usb.

In particolare, utilizzerò una pennetta USB Kingston da 4 Gb, la capacità minima richiesta da Ubuntu.

ll mio progetto consiste innanzitutto nell’installare Ubuntu 10.10 (cartella root e cartella home, no swap) sulla pendrive usb invece che su hard disk interno, in modo da non intaccare affatto la partizione Windows Seven. Installando anche il Grub nella memoria esterna, esso apparirà soltanto quando si adopererà la memoria esterna così preparata, rendendo il tutto più pulito e lineare, ovvero:

- avviando il computer normalmente, partirà direttamente Windows Seven;
- avviando il computer con memoria esterna collegata, apparirà il menù di Grub da cui scegliere se avviare Ubuntu 10.10 o Windows Seven.
Leggi il seguito di questo post »


[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 7 / Il problema del boot dal card reader

04/03/2011

L’unico difetto, o meglio, l’unica sbavatura (difetto è una parola grossa, non creandomi eccessivo fastidio) che finora ho riscontrato nel mio netbook Samsung N145 Plus in queste settimane di utilizzo è il card reader, essenzialmente per due motivi:
Leggi il seguito di questo post »


[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 6 / Come trasformare il vostro netbook da 10′ in eBook Reader

22/02/2011

In realtà, questo argomento l’ho già trattato tempo fa in una guida molto dettagliata, che trovate qua. Allora creai un kit di due scripts, chiamato (in un overflow di fantasia) “eeeBookMode“, che permetteva di girare schermo e trackpad (“01_ebookmode.bat”), e ripristinare tutto (“02_normalmode.bat”). Il mio”eeeBookMode” è tuttora liberamente e gratuitamente scaricabile dalla mia pagina “Downloads“.

Bene, se ne ho già parlato, come mai riprendo in mano l’argomento? Semplicemente per confermarvi che, sia guida che scripts, sono ancora attuali, e funzionano tranquillamente anche sul mio nuovo Samsung N145-JP01, in quanto anche questo netbook, così come il mio vecchio Asus eeePC 701, monta una scheda video integrata Intel, in particolare la nuovissima Intel GMA 3150.
Leggi il seguito di questo post »


[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 5 / Come installare Age of Empires II su un netbook da 10′ con Windows Seven

19/02/2011

Introduzione:
Se più o meno siete figli degli Anni Ottanta come me, quasi sicuramente avrete giocato, anche soltanto di sfuggita, ad Age Of Empires II, mitico videogioco RTS (real time strategy) uscito nel 1999 per Windows e Mac. Io è da allora che ci gioco (11 anni!) e tuttora non mi sono stancato, anzi una volta a settimana (solitamente la domenica dalle 17.30 alle 23.30) organizzo, insieme ad una manciata di amici infognati come me, dei lan party davanti al caminetto (un piatto di pasta e battute a nastro sono incluse nel pacchetto). Age Of Empires II è un gioco che tra feudal rush, tower rush, castle rush, intelligenze artificiali custom, peculiarità dei popoli e mappe personalizzate, non si finisce mai di apprendere del tutto, è davvero infinito, e al contrario della stragrande maggioranza dei videogiochi moderni, tutta grafica e poca sostanza, è un gioco che non imbriglia la fantasia in percorsi predefiniti dalla software house di turno, ma la fa viaggiare (in prima classe), soddisfando pienamente la vostra voglia di Medioevo.

In questo post vi darò alcune dritte per installare Age of Empires II con relativa espansione The Conquerors su un netbook di fascia bassa come il mio Samsung N145-JP01, in modo da giocarci serenamente sia in single player che in multiplayer con gli amici (reali o virtuali che siano).
Leggi il seguito di questo post »


[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 4 / Qualche personalizzazione estetica :)

13/02/2011


Vi presento il desktop ed il menù start del mio nuovo netbook :) CaruzZio, eh? :)

Ci sono tre motivi fondamentali per cui, dopo aver customizzato il “motore” del mio Samsung N145-JP01 come spiegato qua, sono passato ad una personalizzazione puramente estetica (ma non computazionalmente invasiva):

1. essendo il netbook bello esternamente, lo deve essere anche “internamente”;
2. se non personalizzo i miei “gadgets”, non li sento “miei”, e non riesco a lavorarci proficuamente;
3. volevo dargli un look professionale ed omogeneo.

La personalizzazione, come dicevo, non è stata invasiva, quindi niente barre animate, dock traslucidi, launchers orizzontali e radiali, widgets, orologi turbofotonici, che succhiano un abominevole quantità di risorse inutilmente e trasformano un computer nell’analogo di un’automobile tuning tamarra. Ho adottato piuttosto un approccio “low-profile”, che abbellisse senza andare ad intaccare le risorse del mio netbook, che su macchine del genere sono già di default abbastanza ridotte. Per raggiungere questo obiettivo, ho operato su tre fronti:

- wallpaper azzeccato e colore+trasparenza delle finestre in tinta;
- menù Start;
- schermata iniziale.
Leggi il seguito di questo post »


[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 3 / Differenze con l’Asus eeePC 701

10/02/2011

Quasi due anni fa, in questo post, spiegavo il perchè, a mio giudizio, un netbook da 7′ fosse preferibile ad uno da 9′ (il top di allora). Il Samsung N145-JP01 che ho appena acquistato è un 10′. Cosa è cambiato da allora ad adesso?

Molto a dire il vero, ma nonostante tutto le considerazioni che feci allora restano abbastanza attuali e l’Asus eeePC 701 resta un buon prodotto da usare come primo netbook. Ha tuttora una valida potenza computazionale, non di troppo inferiore a quella delle attuali cpu Atom single core, entra nella tasca del cappotto, e all’occorrenza può aumentare esponenzialmente la sua versalità se collegato ad un monitor esterno.

Però, chi come me ha già due anni di netbook da 7′ alle spalle, può avvertire la necessità di cambiare, con i pro ed i contro del caso.
Leggi il seguito di questo post »


[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 2 / Io e lui facciamo amicizia!

13/01/2011

Questo è il primo notebook/netbook Samsung che mi capita sottomano, sia a livello personale che lavorativo. Essendo Samsung entrata da poco nel mobile computing, i suoi portatili sono ancora poco diffusi rispetto ad altri grossi nomi come Acer, Asus, Sony.., per cui non mi era mai capitato di metterci mano prima di adesso. Qualunque informatico con un’esperienza pari o superiore alla mia (ed altrettanto buon senso), quando si approccia ad una nuova macchina, la prima cosa che fa dopo il primo riavvio è formattare e reinstallare una copia pulita di Windows già in suo possesso, perchè quello che le case produttrici di computer ti fanno trovare preinstallato sulla macchina è un sistema tutto tranne che “operativo”. Il Windows che ci trovate sopra, infatti, è scandalosamente lento, intasato, strabordante di (in)utility, barre animate, software trial più invasivi di un call center (Norton anyone?) e via discorrendo.

Avviando per la prima volta questo piccolo Samsung tutto ciò che ho appena descritto era esattamente ciò che mi aspettavo. Invece, perdincibacco!, mi sbagliavo e sono rimasto positivamente colpito dalla pulizia e dall’onestà di Samsung, il cui Windows si avvicina molto alla versione “retail” dello stesso. All’avvio parte subito il setup di Windows Seven, che ti permette di scegliere il nome utente, il fuso orario e altre quattro piccolezze. Niente di nuovo fin quando non appare la finestra di tal “Easy Partition Manager“, che con un semplice wizard ti permette di assegnare alle due partizioni C: e D: esattamente lo spazio che vuoi, o di decidere di usare un’unica partizione. Semplice e geniale.

Tutte le altre case ti fanno trovare il disco già bello e partizionato (solitamente a metà), il che è spesso davvero scomodo. Immaginate, infatti, di avere un portatile con un hard disk da 500 Gb diviso in due partizioni da 250 Gb ciascuna: che cazzo ci fai? Non sarebbe più sensato un C: da, che so, 80 Gb, per Windows ed i programmi, ed un D: da 420 Gb per i dati? O ancora meglio, far scegliere all’utente in base alle sue personali esigenze? Ecco, questa applicazione inserita da Samsung risolve con eleganza una delle tante cattive abitudini degli altri costruttori. Ottima mossa!
Leggi il seguito di questo post »


[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 1 / L’unboxing

10/01/2011

Come (non) sapete, ho venduto il mio glorioso Asus eeePC 701 4G, a cui ho dedicato una rubrica di ben 12 episodi, per rimpiazzarlo con un altro netbook dallo schermo più grande. La scelta è ricaduta su un Samsung N145 Plus, noto anche in Italia come N145-JP01, dalle caratteristiche di tutto rispetto per il prezzo che l’ho pagato: 259 € in offerta nella catena Sinergy. Potevo acquistarlo online e risparmiare sei euro circa, ma la scelta è stata repentina e l’acquisto semi-incauto :-P Solo sei euro di differenza tra on-line e negozi classici per avere un prodotto subito è una cifra irrisoria, chi compra su Internet mi capirà bene! :-D.

Ecco le specifiche di questo nuovo compagnuccio di giochi:

- Intel Atom N450 1.66Ghz;
- 1 Gb RAM (espandibile a 2 Gb);
- HD 160 Gb;
- Schermo 10.1′ retroilluminato a LED (risoluzione nativa 1074×600, strechabile a 1074×768 e 1152×864);
- Wireless 802.11bgn, Bluetooth, Lettore SD/SDHC/SDXC, 3 USB 2.0, Ethernet, VGA;
- Windows Seven Starter Edition.

Leggi il seguito di questo post »


[IT] Come inviare un hard disk guasto (ma in garanzia) alla Western Digital: la guida completa

10/11/2010

Introduzione:
Proprio qualche settimana fa avevo cominciato a notare strani comportamenti sul mio computer desktop (cartelle da decine di gigabyte che sparivano, Windows che non si arrestava correttamente, errori NTFS a ripetizione nel visualizzatore degli eventi, lo Scandisk che partiva ad ogni avvio pur dopo una chiusura corretta del sistema e che recuperava ogni volta grosse quantità di dati nella cartella found.000…), che, dopo una serie di controlli preliminari (formattazione e reinstallazione di Windows, Scandisk approfondito, Memtest sui banchi di ram, verifica delle firme digitali dei files di sistema…), si sono rivelati essere causati dall’hard disk, un WD15EADS della Western Digital acquistato appena sei mesi prima, per cui ancora pienamente in garanzia (che -ricordiamolo- per questi modelli è di 3 anni, come si legge in questa tabella).

Ma l’esperienza informatica non basta, bisogna essere sicuri al 100% che il prodotto sia difettoso prima di mandarlo in garanzia, onde evitare seccanti perdite di tempo e denaro. Anche per questo scopo, la Western Digital si rivela essere una ditta molto seria e fornisce un’utility gratuita, Data Lifeguard Diagnostic, che permette di eseguire due test, uno sbrigativo (“Quick Test“) e uno più approfondito (“Extended Test“) sul proprio disco. Entrambi questi test restituiranno, in caso di guasti o difetti, dei codici d’errore, che confrontati con questa tabella, ti diranno se il disco è da cambiare o meno.
Leggi il seguito di questo post »


[IT] Windows Seven: come installare i driver per scheda video nVidia GeForce 5200 FX, scheda audio C-Media CMI8738/C3DX e scheda di rete SIS 900-based PCI Fast Ethernet Adapter

01/11/2010

Al lavoro avevo una macchina con le seguenti caratteristiche:

Asus P4S533-X
Intel Pentium IV 2.8 Ghz
nVidia GeForce 5200 FX 128Mb
1.25 Gb di RAM
120 Gb di Hard Disk

che originariamente montava un Windows XP Professional SP2. Facendo un giro sulla Rete, molte persone confermavano che i vecchi ma gloriosi Pentium IV reggevano ancora discretamente bene Windows Seven, per cui perchè non installarlo e regalare un po’ di gioia ad un mio collega? Detto fatto.

Una volta installato, mi sono imbattuto in tre problemi:

- Scheda video nVidia GeForce 5200 FX riconosciuta come VGA generica;
- Scheda Audio (C-Media CMI8738/C3DX) ed Ethernet (SIS 900-based PCI Fast Ethernet Adapter) integrate non riconosciute.

che, dopo una serie di letture/test/prove/downloads, ho risolto come spiego in questi tre mini-tutorial :)
Leggi il seguito di questo post »


[IT] Cosa ci fai con un Commodore Vic-20 nel 2010?

28/07/2010

Cosa ci fai con un Commodore Vic-20 nel 2010?” – è una domanda che mi pongono spesso quando, con orgoglio e gli occhietti che luccicano, racconto ad amici nativi digitali (e non) del mio Commodore Vic-20, dei vent’anni che mi ha atteso docile e affettuoso nel buio e nel silenzio disarmanti della sua scatola, di come l’ho ritrovato, di come l’ho restaurato e di come gli ho ridato dignità rimettendolo timidamente in funzione.

La domanda è quanto mai lecita, perchè si tratta sempre e comunque di una macchina di ben trent’anni fa, per concezione molto attuale (ai tempi avanguardistica), ma in pratica parecchio distante dall’uso e dagli standard informatici a cui siamo avvezzi di questi tempi. Con un Pentium II puoi sempre farci un dignitoso server casalingo con FreeNAS, ma con un Commodore Vic-20 cosa cazzo ci fai?
Leggi il seguito di questo post »


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 76 follower