[IT] Informatica al vetriolo: BLING BLING BLING! Haters Invaders!!! Insert Coin!! – Parte 2/2

Parte 1/2

Di nuovo..perché questo post? Perché magari non ci avete fatto caso. O perché questo fenomeno dell’odio gratuito dovrebbe farvi riflettere, con le dovute proporzioni, su come stiamo messi in Italia. O semplicemente perché mi piacerebbe che l’informatica fosse vissuta in maniera serena e condivisa, che fosse un’esperienza costruttiva per tutti a prescindere dal sistema operativo o dall’modello di alimentatore che si sceglie, che si proponesse come uno scambio propositivo di vedute e di critiche oculate, e non come critiche puramente soggettive e spesso dettate da una profonda carenza di competenza.


Due esempi: Apple e Asus eeePC

Tanto per dire: il 99.7% delle persone che criticano Mac OS X non lo hanno mai provato, così come quelli che criticano i computer Apple, bollandoli come “prodotti ultra-cari per fighetti”, non li hanno mai messi a confronto con soluzioni analoghe di produttori ugualmente affidabili; se lo facessero, scoprirebbero, ad esempio, che l’IMac costa 200€ in meno della soluzione all-in-one di Gateway, o che il Mac Pro costa molto meno di una workastation di potenza quasi equiparabile di Dell, o che il Mac Mini a 499€ è regalato perché soluzioni così compatte di altri produttori o sono thin client scarsamente potenti o sono molto più costosi, come quello prodotto dall’Aopen

E’ vero che se ti compri i pezzi e ti assembli il pc da solo, lo paghi molto di meno rispetto ad Apple, ma semplicemente non hai la stessa esperienza-utente e non compri la stessa cosa. E se non capisci cos’è un’esperienza-utente, cosa significa sentirsi coccolati dalla propria macchina e via discorrendo, riprova, sarai più fortunato. Paragonare un Macintosh ad un cassone di componenti equivale a dire che una Lamborghini è un insieme di ruote e motore.

Apple non vende computer, vende sistemi completi, costituiti da hardware+software egregiamente integrati,
vende soluzioni tecniche estremamente ricercate (esempio: il connettore magnetico Magsafe di serie sui portatili o i vari layer di scripting con cui ti puoi interfacciare con le sue applicazioni da linea di comando, es Applescript) e la ricerca e la cura per i dettagli hanno un costo. Se sei disposto a pagare per il massimo o comunque per determinate caratteristiche, Apple è quello che fa per te, altrimenti guarda altrove e amici come prima. E’ tanto difficile da capire? Haters, se la Apple è una delle ditte più importanti del mondo, capace di plasmare il mercato a suo uso e consumo (vedi rivoluzione iPhone), forse siete voi i coglioni e loro i geni, non trovate?

E poi ancora: argomento Asus eeePC. Tutti lì a dire che il nuovo modello a 399 € è caro, che con gli stessi soldi ci prendi un computer portatile con schermo da 15.4′ completo al supermercato sotto casa, che blah blah blah. Io spero che un giorno riuscirete a capire, cari haters, che non sono due prodotti comparabili, che l’eeePC è un ultraportatile, indirizzato ad una certa tipologia di utenza, che fino ad un anno fa, per fare le stesse cose che ora fa con un eeePC, doveva spendere più di 2000€. Per cui, comparato ai prodotti nella sua stessa fascia di utenza, è un prodotto innovativo e non solo per il prezzo. Da qui il successo planetario che ha avuto.

L’hater y la luna

L’hater, nella distorta concezione italiana dell’informatica, è ormai qualcosa di “normale”, così come lo è la presenza di pregiudicati al Parlamento. Ma, ad esempio, nel mondo del giornalismo automobilistico, uno che si permetta di insultare gratuitamente i prodotti di una ditta seria come la Lamborghini senza mai averne provato un auto e adducendo motivazioni infantili come “Con la mia Panda ci faccio le stesse cose spendendo molto di meno…“, sarebbe senza mezzi termini bollato come un coglione o un invidioso o uno che scopa poco o uno che obiettivamente, del Mondo, non c’ha capito una verga. Un hater, appunto.

E’ vero che la Panda fa le stesse cose della Lamborghini Murcielago, così come le fa anche un carretto con due asini (con un occhio di riguardo verso l’ambiente, tra l’altro!), ma se ritieni sinceramente che per te va bene la Panda, perché perdi il tuo tempo ad insultare le soluzioni altrui? Perché passi le tue giornate a fare disinformazione? Forse perché sei invidioso? Forse perché non svuoti lo scroto a sufficienza? Forse perché non hai di meglio da fare?

Ma vivi sereno! Se devi criticare un prodotto, aggiungi motivazioni sensate, fai osservazioni argute, derivate della tua diretta esperienza e non dal “sentito-dire”. Usa un tono civile, del tipo: “Secondo me, la Laborghini Murcielago è cara per ciò che offre, perché il motore presenta un collettore ormai obsoleto da anni.. etc“, perché così si usa in una società degna di questo nome e propensa allo scambio costruttivo di informazioni.

Sogno un’informatica costruttiva e intelligente… ma per il momento mi dia un kilo di haters, belli maturi! Grazie.

(** “Informatica al vetriolo” è una rubrica periodica di attualità informatica in chiave critica e acidula. Ogni riferimento a persone o cose realmente esistenti, non è puramente casuale, ecco perché dovrebbe farvi riflettere. **)

5 risposte a [IT] Informatica al vetriolo: BLING BLING BLING! Haters Invaders!!! Insert Coin!! – Parte 2/2

  1. D@nSelm scrive:

    “Sogno un’informatica costruttiva e intelligente… ”
    Bel post, anche se prendi troppo sul serio un fenomeno culturale, quello degli heaters, che in Italia, almeno quella che conosco io, è diffuso in quasi tutti gli strati della società e, imho, deriva dalla concezione di vedere il mondo a squadre (es di calcio) a cui aggregarsi e fare il tifo per loro (psicologia da due soldi ma anche meno). Inoltre è ua battaglia persa un pò come i troll.
    Detto questo:

    a) il tuo post è intriso in maniera nauseante😀 di quel fanboys che ti accompagna spesso e che, secondo me, è più deleterio di quel fenomeno che tu chiami haters perchè almeno quest’ultimo, qualche volta, dà degli spunti per riflettere, il fanboys neanche quello;
    b) sono tra lo 0,3 % di persone che hano usato Mac Os X e che lo criticano😀
    c) dire che una panda fà lo stesso lavoro di una lmborghini è legittimo se ti serve un’auto per cui devi andare da casa a lavoro da lavoro a casa, non lo è più se oltre a questo vuoi fare il fico con le ragazze e durante il tuo tragitto ti fermi in un circuito per andare a i 180 o +😀
    d) Tu scrivi ” Haters, se la Apple è una delle ditte più importanti del mondo, capace di plasmare il mercato a suo uso e consumo (vedi rivoluzione iPhone), forse siete voi i coglioni e loro i geni, non trovate?”, ora, imho, è sbagliato affermare che una cosa sia giusta o figa perchè la maggioranza delle persone la compra (o la vota come dicono con una certa idiota supponenza certi politici della maggioranza). Ciò per dirti: ” vivi sereno! Se devi ” difendere ” un prodotto, aggiungi motivazioni sensate, fai osservazioni argute, derivate della tua diretta esperienza e non ” perchè il prodotto è di successo, siamo informatici e non utenti.

    Ps: ti ho risposto anche con un post sul mio blog.

  2. […] post è un commento ad un post apparsa sul blog di eldino dal titolo “[IT] Informatica al vetriolo: BLING BLING BLING! Haters Invaders!!! Insert Coin!! – Parte 2/2” quindi leggetelo prima di continuare la lettura di […]

  3. eldino scrive:

    Mo’ seme tutti😉 Ti rispondo per punti:

    a) il fatto che io citi la Apple tra gli esempi non dipende da un mio (eventuale e tutto da verificare, essendo un utente “opportunista” di 3 sistemi operativi) fanboyismo, ma è una scelta funzionale all’argomento di cui parlo, perché la maggior parte dell’hating si concentra sui post che contengono le keyword “Apple”, “iPhone” e “Mac OS X”. Onde vanificare suddette osservazioni ho inserito come esempio principale il confronto tra Lamborghini e Panda, pur non avendo io una Lambo ma una Fiat 600😉
    b) vero, ma il post si riferisce a persone che non lo hanno mai usato e che nonostante ciò, si permettono di criticare. Qui non si parla di Mac OS X o simili in chiave globale, ma in riferimento alla stretta cerchia di haters italiani che passano ore del loro tempo a commentare sui 3 grandi portali di news informatiche italiani😉 Parlando di rubinetti, ad esempio, a nessuno verrebbe in mente di criticare gratuitamente una ditta seria e innovatrice come, che so, la Guzzini, mentre in informatica avviene, perchè? Ho citato Apple perché è funzionale al contesto, ma sarebbe stato lo stesso se avessi citato Sun o IBM o Korg o Volkswagen o Barilla etc.. Sono tutti esempi di ditte serie che nei loro campi innovano e hanno fatto la storia, non assemblano semplicemente “pezzi”, che non meritano di essere criticate senza senso e senza provarne i prodotti.
    c) è legittimo a livello personale, non in chiave assoluta, perché la Lamborghini è un prodotto nettamente superiore rispetto alla Panda, a livello di componenti usati, di motore, di scelte progettuali, di design, di innovazione, di ricerca.. tutti aspetti che costa sviluppare e che quindi vanno ad incidere sul costo finale del prodotto, ma il fatto che tu non puoi permettertela o che la Panda ti soddisfa, non rende la Panda pari alla Lamborghini obiettivamente parlando. Stesso discorso con i PC: se il cassone beige che ti assembli da solo fa quello che vuoi, ok, sono contento per te, ma non hai la stessa cosa che otterresti spendiendo 300-400euro in più per un computer Apple, appunto xkè quei soldi sono il giusto compenso per una serie di innovazioni, tecnologie, scelte progettuali, chicche, dettagli che sul cassone non hai e non avrai mai. Non è fanboyismo, è realtà. Anche io vorrei che ci fossero più ditte come la Apple, ma putroppo, al momento c’è solo lei😉 come c’è solo Lamborghini o Ferrari. Ciò non toglie che il cassone per alcuni ambiti conviene di più rispetto ad un Apple o ad un Alienware, così come la Smart è + comoda di una Lambo in città ed è molto meno appetibile per un ladro, ma se si parla in chiave assoluta, il discorso è come ho appena spiegato.
    d) Infatti non ho detto che è “vagina”, e soprattutto non ho detto che è figa perché la comprano tutti. Ho detto che i suoi prodotti danno la direzione al mercato, che oltre ad essere costituito da utenti, è anche costituito da ditte. Inspirare una ditta concorrente non è da tutti😉 Da quando è uscito l’iPHone, tutte le maggiori casi di telefoni sono lì che si scervellano per cercare di copiarlo.. la HTC con il Touch e il Diamond, la Samsung e altre.. ma quello che non capiscono è che l’ìPhone non è estetica e non è un telefono-smartphone qualsiasi con una gui mai vista (come crede ki ha inventato quella zozzata di gui posticcia che è installata sul HTC Diamond, che serve solo a rallentare la cpu e consumare prima la batteria…), è un qualcosa di totalmente nuovo, rivoluzionario. Chi avrebbe mai pensato di far girare un browser completo su un palmare? Fino ad un anno fa il massimo della navigazione da cellulare era Opera Mini.. e ti dico tutto.. Con Safari per Iphone, invece, hai la stessa esperienza web che hai sul pc, incredibile, è un altro mondo. E’ a questo e altro che mi riferisco nelle frasi che quoti😉 E’ questo che intendo per “motivazione sensata”.. l’iPhone era sensazionale anche se se ne vendevano 4.. così come era sensazionale il primo palmare Apple, il Newton, putroppo incompreso perché troppo avanti con i tempi.

    Spero di essere stato esaustivo e di averti tolto le bende dagli occhi😉

    ps. Io parlo sia da utente che da informatico😉 Se parlavo solo da utente, tutti i dettagli dei prodotti Apple non li avrei mai notati… non li notano molti informatici, pensa un utente😉

  4. D@nSelm scrive:

    Il mio commento principalmente era solo per dirti che le cose non sono esattamente come le vedi tu e le si possono vedere in un’altra ottica, e che anche tu sei un hater, in questo caso verso gli haters😀
    Poi c’erano anche delle osservazioni che uscivano un pò dal tema del tuo post, l’esempio delle auto non mi trova molto d’accordo, anche dopo la tua spiegazione, come possa entrare nel discorso, legittimo, che fai contro gli haters. Ma l’esempio non calza neanche in generale perché, seguendo, il tuo esempio un pc da 200€ è equivalente ad un da 1200€ se devo navigare e leggere le mail, quindi, in questo caso, una panda è equivalente ad una lamborghini, ma se con il pc da 200€ ci voglio anche giocare all’ultimo ultra-mega-gioco figo, bhè il discorso cambia.
    Lo stesso discorso, imho, è per l’ipod o iphone (ma anche per qualsiasi prodotto) , l’acquisto è valido solo se serve i miei bisogni.
    Ma finisce qui, sono d’accordo con te che si criticano i prodotti in maniera gratuita e insensata, ma questo fà parte del nostro modo di essere un paese di allenatori e tifosi😀
    Per l’ultimo punto che ho scritto nel commento precedente, un chiarimento, io parlo principalmente della società italiana che, imho, non possiede una cultura informatica e tecnologia pari a quella statunitense o inglese, ma vive di riflesso, un esempio lampante è l’iphone che è diventato in italia oggetto di culto per la gran parte dei consumatori (almeno quelli che se lo possono permettere) non per le innovazioni tecnologiche che ha introdotto ma perché si è sparsa l’idea che è figo averlo. Chi lo considera un’innovazione tecnologica è da tempo che lo possiede, almeno in un modo o in un altro.
    Io, imho, trovo più che una `faccenda` da haters, questo punto riguardi lo squilibrio tra chi ha una cultura informatica e chi no.

    ps: la benda io non l’ho mai avuta😀 forse sei tu che hai due paraocchi a forma di mela😀😀😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: