[IT] eldino’s mp3server: ecco a voi il mio nuovo “bambino” :-)

Introduzione:
Da buon nerd musicofilo quale sono era da mesi che sentivo l’esigenza di dotarmi di una soluzione informatica unica e centralizzata che mi aiutasse a gestire la mia gigantesca libreria musicale. Fino a pochi giorni fa tutta la mia musica era divisa in molteplici hard disk esterni, rendendo spesso frustrante il dover ascoltare al volo una specifica canzone, sia per piacere personale che per recensirla su questo blog. In più, dovevo gestire e tenere aggiornate più librerie di iTunes, il catalogatore di musica per eccellenza, il che non era esattamente comodo nè per me essere umano nè per i miei vari computer, abbastanza vecchiotti e non più adatti all’elaborazione di grandi moli di dati. Pur avendo svariati annetti sulle spalle, sulle librerie medio-piccole ancora si difendono e svolgono il loro compito, ma quando queste cominciano a crescere, li vedi boccheggiare. Poveri stellini :°

Per cui, ho trascorso mesi a valutare numerose soluzioni (thin client + hard disks esterni + server daap, mac mini + hard disk esterni + itunes, pc da supermercato + pezzi extra, aumento della ram del mio portatile windows da 512mb a 2gb, ricerca di programmi itunes-compatibili e itunes-like molto meno avidi di risorse dell’originale ma con la stessa potenza…), ho letto parecchio (come sono solito fare prima di qualunque acquisto tecnologico), ho consultato forums, richiesto preventivi in Italia e all’estero, pensato, pensato, pensato.. e alla fine ho deciso che la soluzione migliore era costruirmelo da me.

Non sono un fan del Do-It-Yourself, almeno non in informatica, perché non mi piace spulciare tra sigle di chipset, moduli di memoria, processori, sockets, schede low-profile, dimensioni massime dell’alimentatore e via discorrendo. Non che non lo sappia fare o che non possa colmare le mie lacune con un uso consapevole e genuino di Google, ma semplicemente sono un nerd più lato software che lato hardware :)

Obiettivi:

Il mio obiettivo era costruirmi un computer mediacenter / mp3server che avesse:
- un design elegante, bello da vedere, robusto, ben progettato, silenzioso e in linea con la sua funzione (i cassoni beige o pieni di neon, da buon Mac user ed esteta, li lascio ad altri hehehe);
- dimensioni contenute e/o compatibili col poco spazio che ho in camera;
- abbastanza potenza da far funzionare decentemente Windows Vista Business (gentilmente regalatomi dalla mia Università in quanto ente aderente al progetto MSDN Academy di Microsoft) – purtroppo, da appassionato (malato?) di informatica, mi sentivo ignorante senza poterlo provare a fondo;
- abbastanza RAM da far girare iTunes decentemente con la mia enorme libreria musicale, che per l’occasione è finalmente diventata una sola (con mia somma gioia! anche gli altri miei computer ringraziano, che ora sono sollevati dall’incarico e swappano molto meno!);
- sufficienti possibilità di espansione futura, soprattutto in ambito “storage” – leggi: volevo qualcosa a cui potessi aggiungere almeno un altro paio di hard disk esterni da 1 tera o superiore.
- una porta Gigabit Ethernet 10/100/1000, per comunicare a velocità decenti con il mio NAS Lacie, anch’esso Gigabit (ma finora usato con la più lenta Ethernet 10/100);
- la possibilità, all’occorrenza, di essere utilizzato come calcolatore general purpose.

Quando si hanno ben chiari in mente il budget (risicato), le alternative sul mercato a parità di budget (poche e dal rapporto qualità / potenza pessimo) e gli obiettivi che si vogliono raggiungere per essere felici e soddisfatti (essendo un tipo estremamente esigente in ambito informatico, devo valutare bene prima di acquistare qualcosa, sennò dopo resto scontento e ho buttato solo soldi. non sono uno che, almeno in quest’ambito, si accontenta), il lavoro risulta notevolmente più semplice.

Componenti:
Dopo svariate riflessioni e letture, ho optato per l’acquisto dei componenti riportati in calce a questo paragrafo, che ho provveduto ad assemblare da me. L’unico pezzo che non avevo mai assemblato in vita mia era il processore, ma si è rilevato molto più semplice del previsto usando un paio di guide reperite sulla rete e i manuali di cpu e scheda madre (usateli! sono ben fatti e pieni di disegni illustrativi!). Segnalo, in particolare, la guida redatta da Tom’s Hardware. Noto con piacere che in questi anni sono state fatte nelle notevoli migliorie in questo campo ed ora assemblarsi un pc da soli è molto più semplice di 3-4 anni fa – es. i cavi SATA sono molto più intelligenti degli IDE e non necessitano di settare il jumper master/slave sugli hard disk. Era ora!

Fatta questa premessa, vi elenco gli “organi” del mio “bimbo”:
- Scheda madre Asus P5KPL-WM – (43 €);
- Processore Intel Pentium Dual Core E2180 2.0 Ghz – (56 €);
- Case HTPC Antec NSK2480 con alimentatore 80Plus da 380w incluso – (89 €);
- RAM 2x2gb Kingston KVR800D2N5/2G 800mhz DDR2 – (60 €);
- Hard Disk Western Digital WD10EACS Green Power SATA2 1Tb – (139 €);
- Masterizzatore DVD Asus DRW2014S1T SATA Colore Silver – (22 €);
- Hard disk Seagate PATA 500Gb – (0 €).

Insomma, con circa 400 € mi sono comprato un mostro di potenza o comunque un computer sovradimensionato per le mie esigenze :) E’ stupendo esteticamente, silenziosissimo, efficiente a livello energetico (grazie all’alimentatore 80plus, consigliato dall’amico Luxo) e Vista Business gira da dio, effetti grafici inclusi (il chipset integrato supporta le DirectX 10 e persino l’effettino Flip3D funziona perfettamente). Sono rimasto davvero sconcertato dalla potenza dei componenti attuali a parità di prezzo: i componenti da me scelti sono di tipo entry level, eppure diamine se pompano! Quando faccio qualcosa di intensivo, al massimo arrivo al 50% di cpu utilizzata e ho sempre almeno 1.5 gb di RAM libera. Sono davvero favorevolmente colpito :)

In più, lo ammetto, mi sono davvero divertito a montare tutto da solo :) Mi ha richiesto 4 ore ti lavoro ma ne è valsa la pena :)

Qualche nota aggiuntiva sui vari componenti:

Il case Antec NSK2480 è davvero sublime per il prezzo che costa. Robusto, bello e ben progettato! Dentro è molto spazioso e organizzato: è diviso in 3 camere distinte per funzionalità (scheda madre, hard disks, unità ottiche) e ti fornisce di serie 2 ventole con regolatore di intensità (low-medium-high), in modo da garantire il corretto ricambio d’aria in base alla potenza di calcolo che ci installi all’interno. Le viti per fissare gli hard disk sono dotate di comodi gommini che azzerano le vibrazioni e quindi il rumore, eventualmente usaste un hd performante ma rumoroso (non è il mio caso). Il manuale cartaceo, disponibile anche in italiano, è davvero esaustivo e ti spiega passo passo come installare scheda madre, hard disk etc. L’alimentatore in dotazione, un 380watt certificato 80plus, non si sente affatto…. sarà timido? ;-)

L’hard disk Western Digital Green Power 1 Tera è il top della categoria per consumi energetici, rumorosità e calore emesso. Vi sono numerosi recensioni in rete, vi invito a leggerle. La WD dichiara che questa linea di hard disk sia capace di variare la velocità da 5400 a 7200 RPM, in realtà non è vero, resta fissa a 5400, ma personalmente non percepisco nessun calo di prestazioni sul mio sistema. L’ho partizionato in due: 30gb per WIndows Vista e 900Gb per la musica, niente da segnalare (la dimensione effettivamente usabile del disco è 930Gb).

Ho aggiunto un secondo hard disk Seagate PATA da 500Gb che già avevo a casa al’interno di un box esterno Firewire (l’eccellente Macpower Pleiades di cui ho più volte parlato), in quanto con l’arrivo di questo “bambino”, ha esaurito la sua funzione “esterna”, ed è più utile all’interno del case. Collegato con il cavo IDE in dotazione con la scheda madre, nessun problema.

La scheda madre è una microAtx, socket 775 per CPU Intel, 4 porte USB 2.0, Gigabit Ethernet, chipset grafico Intel G31 integrato con max 256mb di memoria video condivisa. E’ ben fornita di cavi e cavetti, ed è possibile personalizzare l’immagine visualizzata all’avvio con una creata da voi (figata! lo farò presto!). Il manuale, anche in questo caso, è davvero ben fatto. E’ possibile aggiungere 3 schede di espansione, qualora fossero necessarie, e una scheda grafica dedicata.
Il case Antec ha tutte le aperture necessarie sul retro e abbastanza spazio all’interno.

La RAM sono solito acquistarla di marca, essendo un componente fondamentale di un calcolatore non mi va di rischiare i miei dati per risparmiare 5 euro. Ho scelto Kingston, oltre che per il buon rapporto qualità / prezzo, anche per il loro sito: basta, infatti, che voi scegliate il modello della vostra scheda madre dal menù a tendina sul loro Memory Configurator per ottenere tutti i codici dei loro moduli compatibili con essa. Questa grande scelta in fatto di usabilità ti evita di ammattire tra DDR, DDR2, DIMM, SODIMM e svariate altre sigle, e in più ti dà la certezza di acquistare della memoria che sicuramente funzionerà sulla tua scheda madre. Onestamente, mi piace dare i miei soldi a chi mi rende la vita semplice e mi dona il piacere di acquistare in serenità. Grande Kingston! Davvero una ditta di professionisti… :)

Il masterizzatore DVD Asus DRW2014S1T è forse l’unica nota dolente dell’intero progetto. Infatti, un buon marchio come Asus, almeno con questo modello di masterizzatore, ha fatto un grande scivolone, perché nella confezione non ha incluso un cavetto SATA!! Cioè, mi domando, quanto gli costava mettere un cavetto SATA all’interno della confezione? 20 centesimi? Hanno messo una copia di Nero 7 e non un cavetto SATA, assurdo! Mi sono dovuto sbattere per trovarlo nei negozi locali. Per il resto, il masterizzatore fa il suo dovere senza colpo ferire, eccetto per un particolare: da quando inserisci un supporto, vergine o meno che sia, impiega qualche secondo di troppo per riconoscerlo, il che è un po’ fastidioso a mio dire. Di contro, il pannello di inusuale colore silver si abbina perfettamente con il frontale color alluminio del case Antec.

Dove ho acquistato:
Tutti i pezzi sono stati acquistati sul sito Monclick e mi sono arrivati a casa con corriere TNT dopo meno di 36 ore da quando ho confermato l’ordine e dopo meno di 12 ore da quando mi è stato spedito: semplicemente impressionante. Solitamente acquisto solo su negozi notoriamente affidabili e veloci (no eBay for me), che accettano pagamento alla consegna e che si affidano a corrieri seri (non tutti lo sono, almeno nella mia zona). Per la mia esperienza, SDA, TNT e UPS sono semplicemente fantastici e consegnano entro 24 ore reali, non farlocche.

La scelta di comprare tutto su un unico sito, inoltre, è voluta e non casuale:
- comprare su più siti, almeno nel caso dei pezzi da me scelti, mi avrebbe fatto perdere tempo / salute e non ha senso farlo per risparmiare qualche euro, ammesso che sia possibile vista la necessità di pagare più volte le spese di spedizione.
- i prezzi di Monclick sono in linea con quelli degli altri shop online, se non più bassi, in più ha molta scelta su quello che interessa a me.

Consiglio anche a voi di fare queste valutazioni prima di ogni acquisto multiplo ;)

Espansioni future:
Al momento sono in rosso (ma ne è valsa la pena!), ma in futuro ho intenzione di regalare al mio bambino i seguenti giocattoli:
- un monitor LCD da 22′ Samsung o Philips (al momento lo utilizzo con un vecchio CRT da 15′ o via desktop remoto) – potrei anche optare per un 24′ se per allora caleranno sensibilmente di prezzo; (vedere aggiornamento 16/04/2009)
- una tastiera retroilluminata, tipo Logitech G11 o G15 (principalmente uno sfizio, perché non la userei per giocare, ma per scrivere meglio di sera, visto non uso luci forti);
- quando termineranno gli 1.5 Tera a bordo, penso che acquisterò un altro hard disk da 1Tb o superiore ;) ma sarà mooolto più in là, ancora ho tanto spazio libero :)

Conclusioni:

Ho deciso di sbattervi in faccia questa padellata di cazzi miei, perché:
1. è in qualche modo correlato con il blog, in quanto d’ora in poi mi sarà molto più semplice consigliarvi un po’ di buona musica, in quanto la ho tutta a portata di click e d’occhio;
2. mi interesso e scrivo spesso di distribuzione di contenuti all’interno di una LAN domestica (es. protocollo DAAP) e di gestione di file musicali, per cui mi sembra coerente illustrarvi la mia postazione dedita allo scopo;
3. potrebbe essere d’aiuto a qualcuno interessato ad assemblarsi una soluzione simile;
4. penso che sia importante condividere la propria opinione su un prodotto, in modo da aiutare chi Googla in merito a farsi un’idea più chiara di ciò che sta per acquistare (io sfrutto sempre le impressioni degli altri, per cui mi piacerebbe anche ricambiare);
5. alcuni dei prossimi posts saranno possibili solo grazie alle possibilità offertemi da questo mostriciattolo a due cuori :)

Buon mp3server (o mp3center o musicmediacenter) a tutti :)

(** Nota: scusate per l’orrida qualità delle foto, sono state fatte alle 20 di sera e con la mia Pentax penosa. Vi assicuro che dal vivo l’impatto estetico è nettamente migliore :) **)

Aggiornamento 16/04/2009

Ho aggiunto al mio setup:

- 1 scheda wireless PCI 802.11b/g Linksys WMP54G-EU (27 €), che grazie all’enorme antenna esterna in dotazione garantisce un segnale forte e stabile anche a notevole distanza dal router! D’altronde la qualità delle periferiche di networking Linksys è risaputa! Pienamente compatibile con Windows Vista e mai nessun problema in molti mesi d’uso intensivo!

- 1 scheda video PCI Express 2.0 Asus EAH3450/HTP/512Mb (33 €) con doppia uscita video (DVI e VGA) per gestire due monitor. Confermo per gli interessati che entra perfettamente nel  case Antec NSK2480, anche se bisogna un attimo organizzare i cavi e se impedisce l’uso del secondo slot PCI che viene parzialmente invaso dall’enorme dissipatore passivo della scheda (allego foto). Ho scelto questa scheda perchè funziona tranquillamente con l’alimentatore da 380w in dotazione con il case e perchè non ho esigenza di giocarci col PC, ma mi serviva semplicemente una scheda video dedicata per gestire un setup dual-monitor. La Asus è particolarmente indicata per questo scopo, al contrario di Sapphire ed altre marche, perchè anche sui modelli di fascia bassa come l’EAH3450 ti fornisce in dotazione il comodissimo adattatore DVI-VGA, che a comprarlo a parte ti costa 10 €.

eldino_mp3server_eah3450_nsk2480

- 1 Pinnacle DVB-T Stick Solo PCTV72e USB (20 €), per registrare le trasmissioni del digitale terrestre!
- 1 vecchio monitor LCD Samsung SyncMaster 913v da 19′ (0 €);
- 1 monitor LCD Samsung SyncMaster 2043SN da 20′ widescreen (110 €), per estendere il mio desktop fino all’interessantissima risoluzione di 2880×1024. Se già si ha un monitor LCD, risulta economicamente molto vantaggioso l’acquisto di un secondo monitor su cui estendere il proprio desktop piuttosto che acquistare un monitor da 24′ o superiore (il mio monitor secondario costa 110€ ed è un 20′, mentre un 24′ costa oltre i 300€ al momento in cui scrivo); in più, un setup multi-monitor rispetto ad un unico monitor gigante ti permette di avere molto più spazio in lunghezza, il che è molto utile se si lavora con molte applicazioni in contemporanea (multitasking) e ti rende estremamente più produttivo. Decisamente consigliato a chi col pc ci lavora! Per chi ci gioca, invece, probabilmente conviene un unico monitor enorme. Ecco a voi una foto della mia scrivania (scusate la qualità penosa della foto, è stata scattata con un eeePC, non ho di meglio a disposizione al momento!):

eldino_mp3server_dual-monitor-setup

About these ads

11 risposte a [IT] eldino’s mp3server: ecco a voi il mio nuovo “bambino” :-)

  1. knob alchemist scrive:

    Peccato ci sia Vista :-P

  2. eldino scrive:

    Bisogna conoscere il nemico prima di annientarlo ;)

  3. AlexPD scrive:

    Minchia hai scritto 2 milioni di caratteri su questa tua “soluzione”, che cmq Arrusta furia :P
    Bravo il mio nerd musicomane :D

  4. eldino scrive:

    @ AlexPD:
    Haha, beh sono consapevole di essere fottutamente prolisso quando scrivo :D ma in questo caso era necessario esaltare questa nuova creaturina nerdosa :)

  5. Luxo scrive:

    Bene, alla fine ce l’hai fatta, dopo mesi di tentennamenti :D Vedrai che con il Vista Business, se fai gli aggiornamenti SP1 e seguenti, ti troverai molto bene per il tipo di utilizzo che devi farci, ormai è stabile, va bene anche per piccoli server soho. Ora hai proprio tutti i maggiori S.O. in circolazione avrai di che divertirti eheheh.
    Hai scelto buoni pezzi, non male per essere la prima volta ;)
    Sto ascoltando un po’ di musica ambient da “5 stellette” che consigli… non è male, anche se preferisco rock ruvido :D Vedò di affinare l’udito. Ciao :)

  6. eldino scrive:

    Luxo, se hai notato sei citato nell’articolo :D

  7. [...] questa prima scoperta ha iniziato a logorare la mia idea di installare iTunes 8 sul mio mp3server basato su Windows [...]

  8. [...] eldinopensiero: velocizzare iTunes usando un ramdisk? La RAM ormai costa 2 becchi e per il mio mp3server ne ho comprato 4 Gb, di cui almeno 1,5 Gb sono sempre liberi. L’idea che mi gira in testa è [...]

  9. [...] recente, come avrete sicuramente letto qui, la piattaforma software/hardware principale su cui lavoro è cambiata radicalmente: da un notebook [...]

  10. [...] in iTunes, posso procedere all’ascolto. Premetto che mantengo due librerie iTunes distinte sul mio mp3server: una che contiene tutta la mia musica (svariate centinaia di gb) ordinata e classificata [...]

  11. [...] produttività nel tempo libero era decisamente calata dell’80% rispetto a quando avevo anche un computer desktop a casa, e si è visto anche dal calo drammatico di posts sul [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 76 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: