[IT] iTunes per utenti avanzati: la bellezza delle playlist speciali ovvero: ciò che rende la coppia iTunes/iPod insuperabile per la gestione e l’ascolto della musica

Per scrivere questo post mi aiuterò citando alcuni rilevanti concetti espressi nell’e-book gratuito “Managing Your iPod With Smartlists” (trad: “Come gestire il tuo iPod con le playlist speciali“) di Charles Hannum Jr, che potete scaricare da qui nel comodo formato PDF.

Fidatevi, vale davvero la pena leggere questo breve e-book (in inglese)! Se siete principianti o non conoscete nulla di iTunes, ci troverete molti consigli utili su una delle migliori funzionalità dell’accoppiata iTunes/iPod; se invece siete degli utenti avanzati, leggerete trucchi che già conoscete, ma la lettura vi risulterà comunque gradevole, o almeno così è successo a me.

Iniziamo con le citazioni 🙂 Se volete leggere gli estratti in lingua originale, potete far riferimento alla versione [EN] di questo post, disponibile qui. Ah, mi pare superfluo sottolineare che questo post è indirizzato a quegli utenti che hanno svariate decine di gb di musica e che vogliono evitare di perdere tempo nello scegliere ogni settimana la musica da copiare sull’iPod. Se invece avete 2 gb di musica e un iPod da 4 gb, probabilmente questo post non fa per voi 🙂

“Ci sono due tipi di playlists, le normali e le speciali. Una playlist normale è solo una lista di canzoni che gestisci direttamente trascinandoci dentro le tue selezioni. […] Una playlist speciale è una playlist che, in base ad alcune regole da te scelte, viene generata dinamicamente da iTunes.”

“Il sistema delle playlist speciali è ciò che davvero divide l’iPod dal resto del mercato […] Immaginate di avere un grandissimo controllo su cosa ascoltare in un modo che richiede un piccolissimo sforzo da parte vostra. Una volta che hai capito come collegare tra loro le playlist speciali per creare automaticamente selezioni di musica, puoi plasmare delle playlist auto-generanti che trasformano l’iPod in un team di Dj virtuali che riproducono musica cucita intorno ai tuoi gusti, senza nessun ulteriore lavoro da parte tua.”

“Oltre a questo aspetto, le playlist speciali forniscono un importante servizio a chi ha molta più musica di quanta ne possa contenere il proprio iPod. Se rientri in questa categoria di persone, avrai sicuramente bisogno di una sorta di sistema per la rotazione della musica all’interno dell’iPod. Certo, puoi farlo manualmente, ma non sarebbe meglio se questo processo fosse automatizzato?”

“Perché non usare semplicemente la funzione “Riproduzione casuale” dell’iPod? Perché questa funzione è a prova di idioti ed è per definizione carente. Quando la attivi, l’iPod semplicemente riproduce in modo più o meno casuale i brani presenti sul dispositivo [..] a questa funzione manca una sorta di memoria: infatti, resetta il suo stato dopo ogni spegnimento o sincronizzazione. Il risultato è che ascolti alcune canzoni continuamente mentre non ascolti mai le altre.”

Un piccolo appunto: un sistema automatizzato basato su playlist speciali lavora a monte, ovvero prima della copia dei brani sull’iPod, mentre la riproduzione casuale lavora, nel suo uso comune, sui brani che tu hai già selezionato e copiato sul dispositivo. La riproduzione casuale è un metodo valido per un utilizzo “al volo”, mentre i consigli suggeriti da Mr. Hannum Jr sono molto più avanzati, che necessitano di alcune ore per il setup iniziale, ma che ti ripagano dell’impegno 🙂

“Per qualche ragione sconosciuta, c’è gente che paga molti soldi per downgradare il loro iPod con software come Anapod […] queste persone sono cascati nella trappola di pagare qualcun’altro per fare quello che iTunes fa gratuitamente […] Non c’è niente di particolarmente efficiente o desiderabile nella gestione basata sul drag & drop, specialmente quando possiedi una grande libreria musicale ed un piccolo iPod. Presentatemi qualcuno che ritenga divertente selezionare manualmente 3.5 GB di musica diversa ogni settimana per i loro iPod mini o nano.”

“Trascinare e rilasciare ti sembra efficiente soltanto perchè ti ci sei abituato usando altri lettori mp3 dotati di un software di merda, che ti forza ad adottare il più basso livello di gestione della musica. Il file browsing non è una peculiarità, ma è la conseguenza dell’incompetenza e della pigrizia di programmatori che non sono stati capaci di creare un buon software di gestione musicale.”

“La più sintetica spiegazione di ciò che dovresti fare per migliorare la gestione della tua musica consiste nel creare un set di playlist, alcune normali altre speciali, e quindi nel collegare l’iPod e sincronizzarlo con loro: voilà, per magia la musica sarà copiata nel vostro lettore seguendo le regole da voi scelte.”

“Ho provato molti organizzatori di musica, e per quanto ne esistano alcuni sufficientemente buoni, nessuno sfiora neanche lontanamente la funzionalità della coppia iTunes/iPod […] per l’organizzazione e l’ascolto della musica, non ha uguali a mio dire”

Concordo 🙂 E se seguite un po’ di tutorial suggeriti nell’e-book, concorderete presto anche voi 🙂

Grazie a Mr. Hannum Jr. per il suo eccellente lavoro 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: