[IT] Come aprire una netlabel: perchè NON conviene hostare le proprie releases su Sendspace, Rapidshare, Megaupload et similia?

In un recente post ho spiegato perchè convenga uploadare le proprie releases su Internet Archive, ma ho lasciato un punto in sospeso, che quoto di seguito:

non avete spazio e banda sufficienti sul vostro spazio di hosting (quindi l’uso di Internet Archive è pressochè obbligatorio e in un prossimo post vi spiego perché è da preferire ad  altri sistemi)

Ecco, questo è il “prossimo post” 🙂

Hai appena comprato il dominio e messo sù le prime robine per la tua nuova, fiammante  netlabel, ma ti è appena venuto il seguente dubbio: dove carico le mie releases?

Bene, NON caricarle su Sendspace, Rapidshare, Megaupload, Zshare e servizi simili, perché  rendono il download una pena e aprono un sacco di banner, devi inserire il captcha ogni volta, devi aspettare un tot di tempo tra un download ed un altro e poi il download non puo’ essere effettuato con download manager e tanti altri problemi.

Evitali, è poco professionale e rende il download delle release un processo tedioso e lo limita solo agli appassionati “hardcore” come me. L’utente occasionale quasi sicuramente si stuferà e preferirà non scaricare la release piuttosto che sbattersi, ancor di più in Italia dove il tasso di  analfabetismo informatico è altissimo e la pazienza è poca.

Se vuoi aprire una netlabel ed emergere dal marasma generale, devi entrare nell’ottica che devi fare le cose talmente semplici che anche la ragazzina di 14 anni più bimbaminkia in circolazione è tranquillamente in grado di scaricare ciò che produci e distribuisci 😉 In più, non devi sottovalutare nessun aspetto dell’usabilità dell’intero progetto.

Se una netlabel è poco usabile, navigabile, accessibile, chiara, funzionale, non avrà  successo in termini di numero di appassionati, a prescindere dalla qualità della musica proposta.

Il download è un processo chiave della “rivoluzione netaudio“, dove nel 99,999% dei casi la  musica viene distribuita -esclusivamente- su supporto digitale (mp3, ogg, flac..), per cui  bisogna investirci tempo/denaro e non risparmiarci, sempre se si vogliono fare le cose per  bene.

Per cui, ripeto, evita come la morte di ricorrere ai vari servizi di hosting gratuito per le tue releases, se vuoi un download usabile e che dia professionalità al tuo progetto.

Altri post sull’argomento che potrebbero interessarvi:
– “Netlabels for Dummies #1: Che cos’è una netlabel?
– “Netlabels for Dummies #2: Quante netlabels esistono?
– “Netlabels for Dummies #3: Cos’è una release?
– “Netlabels for Dummies #4: La scena netlabel come tassello mancante nel processo di separazione tra musica e supporto fisico?
– “Netlabels for Dummies #5: Come recuperare le releases scomparse dai cataloghi delle rispettive netlabels
– “Netlabel for Dummies #6: DownThemAll ti scarica tutte le releases con un click!
– “Netlabel for Dummies #7: un approfondimento su Internet Archive
– “Come aprire una netlabel – parte1/3
– “La chiusura della netlabel tedesca 1bit Wonder e qualche ulteriore appunto della serie “Come aprire una netlabel
– “Netlabels & Denaro: Quattro approcci differenti (Niegazowana, A Quiet Bump, 12rec, LegoEgo)
– “Le comunità musicali online e le netlabels donation-based come modello di business
– “Perché la musica libera dovrebbe preferire l’mp3 ad altri formati audio?
– “Come taggare i brani: un vademecum essenziale per gestori di netlabels
– “Come gestire efficientemente interi cataloghi di netlabels usando Tagscanner e iTunes – Parte 1/2
– “Musetta: dalle netlabels ai negozi di musica!
– “850 Netlabels per meee, posson bastareee…
– “Don’t collect money on the work of others… ovvero: come imparare ad amare i contenuti no-cost in 15 minuti!
– “You will have to pay something more valuable than money, you will have to pay attention!
– “La prolificità musicale nella scena netlabel: un fenomeno che ne intacca la qualità?
– “Netaudio Diagrams: Novembre 2008 / Quale sono i generi musicali più comuni nei cataloghi delle netlabels?
– “La scena 8-Bit e le netlabels
– “Netlabels & Visuals: Miga Label
– “Netlabels & FLAC: tanta musica gratuita in formato lossless!
– “Come aprire una Netlabel: perchè conviene uploadare le proprie releases su Internet Archive?

Advertisements

3 risposte a [IT] Come aprire una netlabel: perchè NON conviene hostare le proprie releases su Sendspace, Rapidshare, Megaupload et similia?

  1. Antonello ha detto:

    Yhea! Internet Archive credo sia il miglior servizio del genere in circolazione. Assolutamente insostituibile. Anch’io lo uso per il mio programma ed è una bomba!
    L’hosting (gratuito) del mio sito mette a disposizione molto spazio (1.5 giga credo) ma è praticamente inutilizzato se non per uploadare le immagini…

  2. eldino ha detto:

    hehe mitico Pwn Em ALL! 🙂 sono un tuo fan 😉 concordo cmq. Internet Archive #1.

  3. […] una netlabel: perchè conviene uploadare le proprie releases su Internet Archive?“ e ”Come aprire una netlabel: perchè NON conviene hostare le proprie releases su Sendspace, Rapidshare,…“), ma solo adesso nasce nella vostra testolina il seguente dubbio: dove trovo altri artisti […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: