[IT] Il ruolo centrale di iTunes nel mio metodo d’ascolto e catalogazione della musica

itunes_minimized

Quando gestisci molta musica nuova mensilmente come me, se non vuoi soccombere, devi ben presto sviluppare un metodo d’ascolto che ti permetta di ottimizzare e valorizzare il tempo da dedicarci (che è sempre poco), in modo tale da minimizzare il tempo necessario ad escludere ciò che sicuramente non ti piace e massimizzare il numero di ascolti degli album a tuo giudizio meritevoli.

Restando solo in ambito netaudio e musica libera e tralasciando gli altri ascolti che faccio, inserisco mediamente nel mio iTunes 15-20gb di musica nuova al mese, precedentemente taggata e copertinata correttamente, un lavoraccio di svariate ore, ma odio il disordine e il caos perché penalizza la fruizione della musica e perchè in questo caso mi inzozzerebbe la mia libreria. Dopo avere aggiunto la musica nuova in iTunes, posso procedere all’ascolto.

Premetto che mantengo due librerie iTunes distinte sul mio mp3server: una che contiene tutta la mia musica (svariate centinaia di gb) ordinata e classificata certosinamente, ed un altra molto più piccola che contiene solo la roba nuova che ancora deve essere ascoltata, classificata, backuppata, e poi spostata nella libreria maggiore. Le operazioni descritte in questo post si svolgono sulla seconda libreria.

Una prima opera di scrematura la compio quando faccio un ascolto veloce degli album/releases per stabilire i generi da inserire nell’apposito tag: durante questa fase metto parecchi “1 stella” e “2 stelle” in modo da ricordarmi la roba che sicuramente non mi piace (noise, field recordings etc) e che sicuramente non riascolterò. Uno dei principali motivi per cui utilizzo un player library-based (come iTunes) invece di uno playlist-based (come Winamp, Foobar…) risiede proprio nella possibilità di dare un voto permanente alla propria musica, che è essenziale per distinguere al volo la merda dal miele.

Dopo aver segnalato in linea di massima la maggior parte della merda, inizia l’ascolto in sottofondo della musica restante: quando incappo in una traccia che mi colpisce, la classifico con 4 o 5 stelle e la copio in una playlist per riascoltarla successivamente con più attenzione. Quando incappo in una release davvero forte, inizio ad ascoltarla e riascoltarla incessantemente, e ovviamente provvedo alla corretta classificazione (solitamente “5 stelle”).

I pezzi che “superano” queste prime scremature, verranno ascoltati e riascoltati per 1-2 mesi, e la classificazione verrà rifinita (es. alcune canzoni inizialmente valutate “4 stelle”, passeranno a “5 stelle” e viceversa): quando mi “sanno di vecchio”, vengono rimossi dalla libreria contenente la musica nuova per far spazio alla pappa appena scaricata e taggata.

Le releases che davvero mi colpiscono, vengono recensite al volo e messe in scheduling per la pubblicazione su questo blog (se sono proprio eccellenti, si vanteranno del bollino “eldino vi imbocca“). In più, se l’artista non lo conosco, provvedo ad informarmi e a scaricare tutto lo scaricabile prodotto da lui dalla Rete.

Questo metodo l’ho messo a punto dopo anni di esperienza e continuo a modificarlo e migliorarlo periodicamente 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: