[IT] Tutorial: come convertire un hard disk fisico (o una partizione) in una macchina virtuale per VirtualBox (Windows)

Quando si aggiorna una macchina, magari passando alla versione successiva di Windows, può essere comodo farsi una copia del sistema precedente in modo da averlo sempre disponibile in macchina virtuale qualora serva. Questo procedimento, che fino a qualche anno fa era pura utopia, adesso, grazie ad alcuni software freeware, è semplice come “mangiare un pezzo di torta” (cit.).

Requisiti:
disk2vhd, che va scompattato ed eseguito da un’unità differente da quella che si intende clonare se si vogliono ottenere performance decenti (es: se vogliamo clonare c:\, andremo ad eseguire disk2vhd da d:\ – può essere eseguito anche da una penna usb se avete una sola unità sul vostro sistema);
VirtualBox, notissimo tool di virtualizzazione gratuito e multipiattaforma;
– un sistema operativo Windows qualsiasi (per eseguire disk2vhd, che pare non funzioni con Wine – sorry linuxiani!).

Tutorial:
1. scaricate, scompattate ed eseguite disk2vhd;
2. vi apparirà una semplice interfaccia contenente l’elenco delle unità presenti sul vostro sistema;


3. selezionate l’unità che volete clonare, comunicate al software dove volete salvare l’immagine VHD risultante e cliccate sul tasto “Create” (mi pare scontato ricordarvi di non salvarla nella stessa unità che state clonando);

Dopo un periodo di tempo variabile in base all grandezza della vostra unità e alla velocità degli hard disk del vostro sistema, troverete un grosso file .vhd pronto da testare nel vostro programma di virtualizzazione preferito, nel mio caso VirtualBox. Per la clonazione della mia partizione C:\ da 30 Gb, disk2vhd ha impiegato circa 10 minuti.

4. Terminata questa prima fase, lanciate VirtualBox ed avviate la procedura di creazione di una nuova macchina virtuale cliccando sul tasto “Nuova“;

5. Quando VirtualBox vi chiede che disco fisso virtuale usare, ditegli di usare l’immagine VHD che avete creato poc’anzi;

6. Una volta terminato il wizard, avviate la vostra macchina virtuale. Se lo schermo virtuale resta nero, andate nelle impostazioni della vostra nuova macchina virtuale e attivate tutte le impostazioni APIC disponibili (nello screenshot, l’unica voce presente in VirtualBox 3.0). Il sistema Windows Vista da me testato senza non partiva.

7. Se tutto è andato per il verso giusto, adesso avrete il vostro sistema “reale” funzionante come macchina virtuale, con tutti i vantaggi del caso!

Nota a puro scopo didattico: quando si virtualizza un sistema reale, Windows percepirà il sostanziale cambio di hardware avvenuto e chiederà di essere ri-attivato, anche nell’eventualità in cui il vostro sistema sia originale e genuino (come nel mio caso), altrimenti dopo qualche giorno vi apparirà l’inquietante scritta sul desktop “Questa copia di Windows non è originale“. Se non volete sprecare un’attivazione per una macchina virtuale (mi pare che se ne possano fare soltanto cinque), potete utilizzare l’utilissimo programma “Windows Activator ALL OS” (composto da “Windows Activator.exe” e “activator.dll”) reperibile dal vostro pusher di crack e keygen preferito. Funziona su tutti i sistemi Windows usciti finora (da XP a Seven) e richiede soltanto pochi minuti di pazienza e due riavvii consecutivi. Non posso linkarlo per ovvie ragioni, ma non farete fatica a trovarlo da soli🙂

Nello screenshot soprastante, il mio vecchio sistema Windows Vista che gira come macchina virtuale sul mio nuovo sistema Windows Seven appena installato🙂 E’ una comodità da non credersi ragazzi: es. per recuperare impostazioni di software etc.. che ci si è dimenticati di backuppare o far girare software che sul nuovo sistema non funzionano più. Consigliato!

AGGIORNAMENTO 08/12/2012: Nel caso in cui VirtualBox non faccia il boot dall’immagine VHD, restituendovi l’errore “A disk read error occurred“, è possibile che abbiate adoperato disk2vhd in modo errato. In particolare, se tra le partizioni presenti sul computer da virtualizzare sia presente la piccola partizione “Riservato per il sistema“, dovete includerla nell’immagine, come da screenshot:

disk2vhd_extrapic_1

Questo perchè quella piccola partizione nascosta contiene l’MBR, che è fondamentale per rendere l’immagine VHD. In generale, tenete presente che la vostra VHD, per funzionare correttamente, debba contenere tutte le partizioni marcate come “Boot” o “Sistema”, come da screenshot:

disk2vhd_extrapic_2

2 risposte a [IT] Tutorial: come convertire un hard disk fisico (o una partizione) in una macchina virtuale per VirtualBox (Windows)

  1. Fabio scrive:

    Se clono Windows XP con disk2vhd e lo faccio “partire” con Virtualbox sotto ubuntu pensi possa funzionare ?

    Ciao

  2. eldino scrive:

    @FAbio
    Yes🙂 Anche sotto MacOS dovrebbe andare🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: