[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 8 / Installare Ubuntu 10.10 senza intaccare Windows

Ho testato Ubuntu 10.10 sul mio Samsung N145 Plus (N145-JP01) e va benone, viene riconosciuto tutto l’hardware, inclusa la scheda wireless, che funziona persino direttamente da live cd. L’unica cosa che non va, com’era prevedibile, sono i tasti funzione e l’applet di Gnome per il controllo della luminosità dello schermo. Per farli funzionare, ovviamente ci vorrebbe qualcuno che creasse un kernel appositamente patchato per questo modello di netbook o dei drivers, così come è accaduto per gli Asus eeePC, ma considerate le scarse possibilità che ciò accada, tocca accontentarci i pochi tasti funzione che funzionano out-of-the-box, tipo quelli del volume (FN+destra, FN+sinistra).

Dove installare Ubuntu 10.10? Se siete degli “estremisti”, potete brasare Windows Seven ed installarlo sull’hard disk, o al limite in dual boot. Io, invece, avrei optato volentieri per un’installazione su scheda SDHC Classe 6 (le più veloci), ma visto che, come spiegavo qua, il Samsung N145 Plus non non supporta (ancora?) il boot da card reader, mi tocca ripiegare su una comune (e molto più lenta) pendrive usb.

In particolare, utilizzerò una pennetta USB Kingston da 4 Gb, la capacità minima richiesta da Ubuntu.

ll mio progetto consiste innanzitutto nell’installare Ubuntu 10.10 (cartella root e cartella home, no swap) sulla pendrive usb invece che su hard disk interno, in modo da non intaccare affatto la partizione Windows Seven. Installando anche il Grub nella memoria esterna, esso apparirà soltanto quando si adopererà la memoria esterna così preparata, rendendo il tutto più pulito e lineare, ovvero:

– avviando il computer normalmente, partirà direttamente Windows Seven;
– avviando il computer con memoria esterna collegata, apparirà il menù di Grub da cui scegliere se avviare Ubuntu 10.10 o Windows Seven.

Pulito, semplice e funzionale 🙂 Per realizzare tutto questo servono soltanto due comunissime pendrive usb, una da minimo 4 Gb su cui installare Ubuntu ed una da minimo 1 Gb da usare come live cd (in alternativa a quest’ultima, potete adoperare un’unità ottica esterna ed il cd di Ubuntu, qualora li aveste).

Tutorial:
Non mi dilungherò molto su come realizzare tecnicamente questo progetto, perchè esistono già online guide molto dettagliate e perchè non ho pensato questo post come tutorial, ma più che altro come “input” per stimolarvi il cervello e la creatività sui molteplici orizzonti che ti apre la conoscenza degli strumenti informatici.

Vi servono due chiavette usb: la prima (A) da usare come disco di installazione e la seconda (B) su cui materialmente installare Ubuntu. Dò per scontato che usiate Windows:
– scaricate Linux Live USB Creator e l’immagine iso di Ubuntu 10.10 (non consiglio Unetbootin perchè mi ha dato molti problemi con il mio netbook Samsung);
– collegate la chiavetta A al computer e con LLUC spiattellateci sopra l’iso di Ubuntu in modalità live (no persistente!);
– collegate la chiavetta B (da almeno 4 Gb) e formattatela FAT32;
– riavviate il pc, entrate nel bios, attivate come prima opzione il boot da hard disk usb (USB-HDD), salvate ed uscite;
– prima che si riavvi, collegate la chiavetta A: dovrebbe ora apparire il menù di Ubuntu, scegliete l’opzione “Try without installing” (Prova senza installare);
– una volta avviato Ubuntu, se più o meno riconosce il vostro hardware, o la parte fondamentale di esso, potete procedere all’installazione;
– collegate la chiavetta B e fate partire l’installazione di Ubuntu (l’icona è sul desktop);
– come disco di destinazione, sia dell’installazione che del bootloader Grub, scegliete la chiavetta da 4 Gb (che sarà identificata come /dev/sde e /dev/sdf);
– invece di scegliere “cancellare tutto il disco”, andate in modalità personalizzata/avanzata e partizionate la chiavetta come segue: partizione da 3 Gb per la root (/) e partizione da 1 Gb per la home (/home), entrambe formattate EXT4;
– procedete normalmente con l’istallazione.

Dopo una manciata di minuti, avrete creato la vosta chiavetta usb con Ubuntu 10.10 installato sopra, su cui potrete fare qualsiasi operazione, esattamente come se fosse installato su hard disk 🙂

Per avviarlo:
– a netbook spento collegate la chiavetta;
– aprite il netbook e tenete premuto “Esc”;
– dal menù che vi appare, scegliete la chiavetta usb.

In alternativa, se nel bios è impostato “usb-hdd” come primo dispositivo di boot, non sarà necessario tener premuto “Esc”. Consiglio, al primo utilizzo, di scaricare/installare la lingua italiana e gli aggiornamenti, e di disinstallare OpenOffice, per recuperare spazio.

Annunci

5 Responses to [IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 8 / Installare Ubuntu 10.10 senza intaccare Windows

  1. Andrea ha detto:

    ciao,
    ho appena ricevuto in regalo questo netbook e mi sto facendo un giretto in rete per raccimolare notizie e quant’altro e sono finito sul tuo sito (che è finito sui preferiti)
    Bella questa cosa di ubuntu, mi chiedevo quanto spazio fosse necessario partizionare su pennette più capienti.

    quindi tu sconsigli l’ubuntu per netbook?

    e dimmi, come ti trovi con la batteria?

  2. eldino ha detto:

    @Andrea
    Dipende da quello che devi farci col netbook.. Ubuntu ci gira abbastanza bene ed è un sistema operativo “simpatico”, ma se devi lavorarci-giocarci e/o non vuoi bestemmiare ogni 3×2, allora direi Windows 7 tutta la vita 🙂

    Se leggi le precedenti sette puntate di questa rubrica trovi maggiori spunti su come usare al meglio il tuo netbook comunque 🙂

  3. Giacomo ha detto:

    Dato che non puoi fare il boot direttamente da SD, forse puoi installare GRUB (o il bootloader che preferisci) sul disco principale, in modo da poter scegliere se fare il boot da Windows oppure da /dev/xxx (partizione root della SD card dove installi Linux)…

  4. eldino ha detto:

    @Giacomo
    sì ma “sporca” il disco principale e mi devo sorbire la sua interfaccia ad ogni avvio di Windows, ecco perchè ho optato per una soluzione grub+linux su una pennetta 🙂

    usandolo principalmente con windows, direi che è la soluzione ottimale per le mie esigenze 😉

  5. […] puntata precedente spiegavo come installare Ubuntu 10.10 su pendrive usb senza intaccare Windows, per cui dò per […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: