[IT] Viaggiare low-cost a Stoccolma (Svezia): la guida definitiva! – Pt. 01/10: la pianificazione del viaggio, la redazione del travel plan ed il budget di spesa

Viaggiare in Svezia low-cost? Si può!
Come scrivevo nel post sul quarto anniversario del blog, dal 16 al 20 giugno 2011 sono andato con due amici a Stoccolma, Svezia. Il motivo di questo viaggio non è stato il divertimento, non ho scelto di spendere quasi tutti i miei pochi (sudatissimi!) risparmi per andare fin lassù a fare il bagordo o il tipico giovane italiano all’estero (alcol, droga & ignoranza verbale), bensì la conoscenza: volevo vedere dal vero una nazione su cui mi sto documentando ormai da un anno. Il mercato del lavoro in Italia è immobile da parecchi anni, stiamo vivendo una crisi devastante, il degrado morale ed intellettivo di governanti e gente comune è sempre più disgustoso, il clientelismo e le raccomandazioni sono le condizioni senza le quali neanche il pagamento di una bolletta va a buon fine, e non vi sono speranze che tutto ciò migliori a breve. Bisogna scappare all’Estero o meglio in Europa, sfruttando le agevolazioni introdotte dalla EU (Dio la benedica!) per noi cittadini europei, quali tessera sanitaria europea, patente europea, trattato di Schengen & altro, e trovare sistemazione lì. A me piace il Nord Europa, mi ha sempre attratto parecchio, e ho identificato tra questi la Svezia come un paese molto interessante e affine alla mia forma mentis. Dopo aver letto con avidità e per parecchi mesi blogs di italiani che ce l’hanno fatta, come One Way to Sweden, Un italiano in Svezia, Svedesi Dentro e Faccio l’accento svedese, oltre che aver divorato il forum MondoSvezia, ho raggranellato quattro spicci, ho buttato giù un dettagliatissimo travel plan di 20 pagine e sono partito.

Il viaggio è stato concepito per il massimo rapporto qualità/risparmio, per cui questo mio post in quattro parti vi risulterà di poco o nullo interesse se avete un budget di spesa elevato. Massimo risparmio però non significa andare a dormire a casa di sconosciuti (coach surfing), muoversi in autostop e altre zingarate simili, ma significa spendere per ciò che è necessario e risparmiare su ciò che non serve. Per viaggiare low-cost ma dignitosamente sono fondamentali tre aspetti:

1. pianificare in viaggio in anticipo e fissare un budget giornaliero di spesa;
2. volare con compagnie low-cost e con il solo bagaglio a mano;
3. sapersi documentare, ingegnare e adattare.

Di seguito vi illustrerò nel dettaglio questi quattro aspetti e come li ho adoperati io per andare in Svezia con quattro soldi. L’argomento sarà sviscerato tramite consigli molto pratici e funzionali, senza molti giri di parole, così come feci per il viaggio a Bruxelles nel 2008.

La pianificazione del viaggio, la redazione del travel plan ed il budget di spesa:
Se volete viaggiare low-cost, è imprescindibile documentarsi con largo anticipo sul paese che andrete a visitare, sui suoi usi, costumi e soprattutto costi, per non incappare in spiacevoli e salatissime sorprese che potrebbero guastarvi viaggio e umore. Internet è il vostro migliore amico in questo. Se conoscete l’inglese, troverete decisamente più informazioni, altrimenti, restando ancorati all’italiano, dovrete accontentarvi dei blogs personali dei nostri connazionali all’estero. Ce ne sono parecchi di questi blogs, e forniscono spesso informazioni molto interessanti e pratiche su molte grandi città del mondo, per cui una lettura avida e approfondita è d’obbligo. Durante la mia fase documentativa preliminare, durata parecchi mesi, ho capito subito che la Svezia è un paese caro, molto caro, in particolare la sua capitale Stoccolma. Questo fattore è comune a tutti i paesi nordici e rappresenta un grosso ostacolo per un ragazzo squattrinato, che con il budget necessario per 5 giorni in Svezia potrebbe farsene tranquillamente 10 a Londra o Berlino, città decisamente più accessibili per i turisti. Ma la meta del viaggio è la Svezia, voglio andare lì e solo lì, per cui è toccato ingegnarmi.

La prima cosa quando si inizia a redarre il proprio travel plan (un documento Word in cui raccogliere tutte le informazioni utili ai fini del viaggio), è la creazione di una tabella dei costi previsti, in cui schematizzare tutti i costi che si andranno ad affrontare giornalmente (es. cibo, pernottamento) o una-tantum (es. volo aereo a/r). La mia l’ho strutturata così:

Le voci di spesa sono fondamentalmente tre: aereo, pernottamento e ciò che io ho riassunto con la sigla “CPCT” (Colazione, Pranzo, Cena, Trasporti). Ho previsto chiaramente un “buffer”, un ragionevole range di tolleranza in cui è possibile sforare. Se non si viaggia da soli come è successo a me, è chiaro che le spese personali (es. sigarette nel caso dei miei due compagni di viaggio, bottiglie di acqua nel mio caso) e souvenir/regalini vari sono a parte. La tabella dei costi previsti contempla solo le spese imprescindibili e comuni a tutti i partecipanti al viaggio.

Per impostare valori bassi, ma ragionevolmente verosimili, bisogna chiaramente farsi un giro su Internet e vedere quanto costano le voci “Dormire” e “CPCT” nella città in cui si vuole andare. In Svezia, tutte le tariffe sono online e tradotte in inglese, per cui si fa presto a farsi un’idea realistica sull’argomento.

Se non sapete come redarre un travel plan per la Svezia, potete scaricare quello che ho fatto per me ed usarlo come esempio: Svezia 2011 Travel Plan by eldino (PDF)

Annunci

2 Responses to [IT] Viaggiare low-cost a Stoccolma (Svezia): la guida definitiva! – Pt. 01/10: la pianificazione del viaggio, la redazione del travel plan ed il budget di spesa

  1. […] anche speso i pochi soldi guadagnati con il mio precedente impiego per visitare l’area di Stoccolma e rendermi conto se effettivamente la Svezia fosse come la descrivevano. Beh, mi resi conto […]

  2. […] corrispondano al vero. Io lo feci a giugno, visitando l’area di Stoccolma come raccontato qua, e una volta ritornatoci col contratto di lavoro in mano, ne trassi un immane beneficio: avevo già […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: