[IT] Bandcamp e Soundcloud come guide del panorama musicale underground mondiale?

L’anno appena passato ha visto la nascita e l’esplosione di alcuni nuovi (sotto)generi musicali, che tanto hanno acceso gli animi dei frequentatori dell’underground musicale come il sottoscritto, e che in termini di musica libera, sono stati recensiti anche su queste pagine. Ma non è tanto di chillwave e witchouse che voglio parlare, quanto piuttosto vorrei soffermarmi sul ruolo che stanno assumendo Bandcamp e Soundcloud nella definizione di questi nuovi fenomeni sonori.

Entrambe le piattaforme, come sapete, fanno dell’aspetto social e della provenienza indie dei musicisti due punti di forza. Così facendo, hanno finito ben presto per attirare a sè ed accentrare tutti quei produttori che, volendo o nolendo, non hanno altro modo per farsi ascoltare, commentare, promuoversi. E tra questi, si annoverano i cosiddetti “artisti ricettori“, cioè coloro i quali, per una sorta di talento innato, riescono a fare un’instantanea del panorama musicale attuale e a rielaborarlo secondo il proprio personale gusto, creando nuove estetiche e nuovi generi. E’ sacrosanto dire, nella musica elettronica in particolare, che “nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si remixa“.

Tra i frutti più succosi di una pesante rielaborazione di ciò che già avevamo ascoltato in diverse salse sono appunto la chillwave (misto di elettronica, dubstep acquatico e musica vintage) e la witchouse (darkwave con una spruzzata di dischi anni ’70 al contrario), di cui alcuni artisti più rilevanti sono nati proprio su Bandcamp e Soundcloud, ed è anche da lì che si è generato il primo nucleo di ascoltatori, fans, sostenitori. Per quanto riguarda la chillwave, ad esempio, penso al fenomeno Sun Glitters, che con il suo “Everything Could Be Fine” ha dato vita ad un capolavoro assoluto del genere, in vetta alle charts di Bandcamp stesso e sulle pagine di numerosi magazines musicali online, tra cui The Silent Ballet, che lo ha inserito tra i dieci migliori album del 2011. Non male per un album di un illustre sconosciuto in vendita a soli 5$ 🙂

Ciò che mi piace parecchio di questa nuova direzione intrapresa dall’underground musicale è il suo essere al passo con i tempi anche a livello visuale. Mentre gli artisti witchouse sono letteralmente usciti fuori di melone per una serie di simboli ASCII poco conosciuti (come il triangolo, la croce, la doppia croce..) con cui adornano i loro moniker artistici e le copertine dei loro albums, gli artisti chillwave invece si sono impadroniti di uno stile grafico che spopola in Rete, fatto di immagini sfocate, invecchiate, dai colori alterati e ricche di raggi di sole artificiali. Un’estetica che, se seguite la Rete lo saprete, attinge a piene mani da siti come Weheartit, da applicazioni mobili come Instagram e da fenomeni per nerds del rullino come la Lomografia, ritornata alla ribalta della cronaca da poco, quasi a mò di ribellione verso le reflex digitali a prezzo di discount.

Adesso io non so prevedere se questa tendenza continuerà anche nel 2012 e se il ruolo di Bandcamp e Soundcloud sarà cruciale in questo processo, ma vista la freschezza di questi nuovi (sotto)generi musicali, mi auguro proprio di sì. La musica ha bisogno di fiorire rigogliosa nell’underground e di legarsi sempre di più alla Rete, vado di Pandora del talento mondiale! Good job 🙂

Annunci

9 Responses to [IT] Bandcamp e Soundcloud come guide del panorama musicale underground mondiale?

  1. Yedduzzo ha detto:

    Ciao Eldino, sono un classe ’89 e sto facendo delle ricerche per la mia tesi di laurea. Devo ringraziarti perchè il tuo blog è stato una delle fonti da cui ho più attinto in queste settimane, sia a livello di informazioni tecniche che umane. Ho intenzione, con la scusa della tesi, di mettere in piedi una Netlabel per sviluppare la fiorente (e storicamente mai sopita) scena della mia città, Varese. Ora mi godo Sun Glitters che, dopo esser capitato per caso tra i lavori di Washed Out, Toro Y Moi e Casa Del Mirto, ahimè mi mancava. Grazie 😉

    • eldino ha detto:

      @Yedduzzo:
      Ciao, grazie a te 🙂 Se poi condividerai la tua tesi online, mandami una mail che gli dò volentieri uno sguardo 🙂

      • Yedduzzo ha detto:

        Ora sto scrivendo una relazione per l’esame di Informatica Distribuita e ne approfitto per raccogliere un po’ di idee per la tesi.. ho intenzione di chiuderla entro stasera (mi serve un 18 entro il 31 gennaio per non dover sborsare altri soldi in rette e cazzi vari) te la giro via mail appena l’ho conclusa!

  2. […] ho mai fatto mistero della mia passione per il genere chillwave e per uno dei suoi maggiori esponenti, Sun Glitters, di […]

  3. […] ho sempre apprezzato l’eccellente capacità di porsi come “incubatore” di nuovi sottogeneri e sonorità underground, che proprio su piattaforme sociali come questa nascono e hanno modo di farsi conoscere al pubblico […]

  4. CinemaOut ha detto:

    Non capisco bene, nel 2010 eri molto scettico su Bandcamp (dicevi che bisognava pagare per permettere di scaricare gratis il proprio album): ora sei meno scettico?

    • eldino ha detto:

      @CinemaOut:
      Non sono meno scettico, resto sempre dell’idea che le interfaccie web e alcune scelte in merito ad usabilità su entrambi i portali vadano riviste, ma quando si informa, si deve essere oggettivi, ed il ruolo di Bandcamp e Soundcloud sta diventando sempre più determinante per quanto riguarda la definizione di nuovi generi e stili. Ormai buona parte della musica innovativa e di qualità nasce lì sopra 🙂

  5. eldino ha detto:

    @CinemaOut
    Non saprei dirti le politiche di Bandcamp al giorno d’oggi, penso sia consigliabile che tu le consulta direttamente sul loro sito 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: