[IT] eldinopensiero: la strategia più economica per fare i backup

13/12/2009

Premessa: in questo articolo, con il termine “backup” si intende il backup “archivistico” dei dati, non quello dei dati su cui si lavora ogni giorno, ed ci si riferisce ad un ambito home. Esempio: scarichi un film, lo vedi, ne fai un backup nel caso in cui fra qualche anno volessi rivederlo e lo cancelli dall’hard disk del tuo computer.

Ci sono vari tipi di supporti su cui effettuare il backup dei nostri dati: hard disk, cd/dvd, nastri, storage online etc. Io, non avendo molta disponibilità economica, negli ultimi anni ho sempre adoperato i dvd+r, per due motivi principali:
– sono i più economici per rapporto euro/gigabyte;
– sono molto affidabili e durevoli nel tempo, se di qualità e se saputi tenere.

In particolare, li ho sempre preferiti agli hard disk perchè:
– se backuppi 500 gb di roba su un hard disk e quest’ultimo si rompe, perdi 500 gb di roba tutta ad una volta, mentre se backuppi 500 gb di roba su 125 dvd, al massimo negli anni ti si potranno danneggiare 2-3 dvd, per cui perderai soltanto 8-12 gb di roba;
– dopo averli masterizzati, li conservi in un luogo apposito e non li tocchi fin quando non ti serve qualche file specifico;
– gli hard disk perdono valore molto velocemente: se acquisti un 500 Gb adesso ad un prezzo X, fra due mesi costerà 20 euro in meno, e con lo stesso prezzo X potrai comprarne uno da 750 Gb – il che è frustrante (invece le campane di dvd hanno lo stesso prezzo da anni);
– personalmente, se avessi degli hard disk addizionali per fare dei backup sicuramente mi verrebbe voglia di cancellare tutto e riutilizzarli, appunto perchè li vedo come supporti “temporanei” e non definitivi come invece sono i dvd (li scrivi una volta ed amen).

Di contro, gli hard disk hanno dei vantaggi non indifferenti:
– sono più semplici da adoperare (con un click sposti 1 terabyte di roba da un disco ad un altro, mentre per masterizzare la stessa quantità di dati su 225 dvd ci vogliono 3-4 giorni a ritmo serrato);
– sono più semplici da consultare (i dvd sono molteplici e li inserisci uno alla volta, mentre l’hard disk è uno solo e basta collegarlo  – immaginate di dover consultare 1 terabyte di roba backuppati su 225 dvd 😀);
– sono più semplici da condividere (un conto è prestare un hard disk ad un amico, un’altro è prestargli un cesto pieno di dvd 😀).

Fatta questa doverosa premessa, andiamo al succo del discorso. Ormai gli hard disk esterni da 1 terabyte cominciano ad apparire sui volantini dei centri commerciali al prezzo di 79 euro. A questo prezzo, il rapporto euro/gb è il seguente:

79 € / 1000 Gb = 0,079 euro per ogni gigabyte

Per una campana di dvd+r Verbatim 16x da 100 ci vogliono 29 € (fonte: Nierle), il che significa:

29 € / 470 Gb = 0,061 euro per ogni gigabyte
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

[IT] Allway Sync Free (software di sincronizzazione delle cartelle): evitatelo come la peste!

13/09/2009

allwaysync_free_errore

Non so se avete mai provato Allway Sync Free, ma se non lo avete fatto, non fatelo! E’ un software davvero penoso, e vi piego brevemente perchè.

Mi serviva un software freeware per sincronizzare automaticamente ogni notte alcune cartelle dal mio pc al mio NAS (Network Attached Storage, un hard disk di rete), ovviamente il tutto per scopi di backup. Ho installato Allway Sync Free 9.2.2 e ho speso più di due ore di tempo per configurare 7-8 jobs di sincronizzazione, uno per cartella. Dopo aver testato il tutto, ho pianificato i backup nelle ore notturne e per un paio di giorni ha funzionato egregiamente.

Ma dopo questo breve periodo, Allway Sync ha smesso di funzionare e mi è apparso il seguente messaggio:

Attenzione, rilevato eccesso di utilizzo rispetto a tipiche esigenze personali. Si prega di acquistare Allway Sync Pro o di inserire la chiave di registrazione della licenza, se ne siete già in possesso. Sarete in grado di continuare ad usare la versione gratuita quando le statistiche di utilizzo negli ultimi 30 giorni sarà ritornato a livelli moderati. [..]

Quando l’ho letto, mi sono girati i coglioni non poco. Sia per la pratica commerciale scorretta da parte della software house che produce suddetto tool dichiarato gratuito per uso personale e sia perchè avevo speso ore per configurare tutto ad-hoc invano.
Leggi il seguito di questo post »