[IT] Un Samsung Galaxy S3 per domarli tutti!

25/06/2013

eldino_Samsung_Galaxy_S3

Qualche settimana fa ho acquistato un Samsung Galaxy S3 16 Gb bianco su Amazon.de a 370 € spedito, quando il prezzo di listino è pari a 499 € ed il prezzo più basso al quale si trova in Svezia è pari a 440 €. Ho poi contestualmente acquistato una cover flip-case con funzione stand (SKU 188496) sul mio sito cinese di fiducia, estremamente utile per guardare i video sul letto o in viaggio.

Perchè acquistare un S3 quando è uscito l’S4? Perchè al momento ha un superlativo rapporto qualità/prezzo; perchè il processore quadcore che l’S3 monta sotto il culo ha una potenza impressionante che soddisfa ampiamente qualsiasi esigenza, rendendo davvero superflua l’adozione dell’octacore dell’S4; perchè è sul mercato da quasi un anno ed è comprovata la sua stabilità; perchè è un top di gamma e sarà supportato a lungo (da Samsung e dalla community dei rom makers); perchè la Samsung ha di recente rilasciato la batteria estesa ufficiale per l’S3 (come fece in passato per l’S2), un accessorio che pochissimi smartphones sul mercato possono vantare (nessuno della serie Nexus ad esempio), e di cui nel prossimo futuro provvederò all’acquisto; infine, perchè è facilmente rivendibile.
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

[IT] La frammentarietà di Soundcloud rappresenta un limite per la sua crescita?

22/01/2013

soundcloud_logo

Su Soundcloud ho da sempre avuto un parere contrastante: se da un lato ne ho sempre criticato alcune scelte “tecniche” (e la nuova, pesantissima interfaccia grafica dotata di funzione “endless scrolling” introdotta recentemente non è un miglioramento in tal senso…), dall’altro ne ho sempre apprezzato l’eccellente capacità di porsi come “incubatore” di nuovi sottogeneri e sonorità underground, che proprio su piattaforme sociali come questa nascono e hanno modo di farsi conoscere al pubblico più attento della Rete.

Soundcloud nasce in risposta ad un’esigenza che tutti i producers di musica elettronica hanno sperimentato sulla propria pelle almeno una volta nella vita, ovvero la voglia impellente di far ascoltare immediatamente a qualcuno il proprio, nuovissimo pezzo appena ultimato e caldo-caldo di “Export” da Ableton Live. Se fino a qualche anno fa si chiedeva un parere alle cerchie di amici “virtuali” che ci si era creati negli anni su forum specializzati e canali IRC, spammando il link al proprio pezzo come se non ci fosse un domani, adesso con Soundcloud si fa molta meno fatica. Si carica il proprio pezzo lì, a volte anche incompleto (“draft”, “alpha version” e “beta version” pullulano come funghi), ci si prepara un caffè e si attende che le funzioni social della piattaforma facciano il resto.

Con Soundcloud, essere ascoltati non è più un’impresa, non è più necessario spammare in giro, non è più necessario avere conoscenze in merito a servizi gratuiti di hosting, upload, ftp e quant’altro. Il commento è dietro l’angolo, basta che l’utente segua la semplicissima (rispetto ad altri servizi) procedura di registrazione del sito ed è pronto a scrivere frasi virili  (come l’evergreen: “my rubix cube fell off my desk and solved itself”) in corrispondenza del minuto 1:13 del vostro pezzo dubstep, quando entra in scena il tanto atteso drop” di basso spaccandovi il subwoofer (e prevedibilmente anche gli ammenicoli dei vicini di casa di sesso maschile). Non è neanche più così complicato come prima collaborare con qualche altro producer in giro per il mondo o accaparrarsi la cantante più in voga del momento nell’underground per una parte vocale o ottenere un remix chillwave. Tutti si iscrivono a Soundcloud, tutti si incontrano su Soundcloud, tutto gira intorno a Soundcloud, tutto nasce su Soundcloud.
Leggi il seguito di questo post »


[IT] Macbook Pro (early 2011): perchè conviene comprarlo da Mediaworld / come montarci un ssd OCZ Vertex 2 / pregi e difetti / problema disconnessioni Airport

19/04/2011

Era da un paio d’anni che mi serviva un portatile dalla potenza computazionale adeguata agli standard attuali e finalmente sono riuscito ad acquistarlo! Il fortunato è un nuovissimo Macbook Pro (early 2011) uscito il 24 febbraio e acquistato il 5 aprile da Mediaworld, dopo più di un mese di attesa. Il modello che ho preso è il 13′ base, quello “da barboni” (1149 €), che però per le mie esigenze (e le mie finanze) va più che bene 🙂 Processore Intel i5 di seconda generazione (Sandy Bridge), due core fisici e due core virtuali, 4 gb di RAM, porta Thunderbolt, Wifi, Bluetooth, SATA3, e quant’altro, una belva insomma 🙂
Leggi il seguito di questo post »