[IT] Io & il mio Asus eeePC 701 4G Nero (netbook) / Episodio 11: la guida definitiva per trasformare un eeePC in un’eccellente “MAME box” portatile e per videogiocare in mobilità con emulatori e roms! (tipo OpenPandora, ma low-cost!)

01/09/2009

eeepcmamebox_01_mamebox-snowbros

Introduzione

Se siete amanti del retrogaming e se vorreste giocare ai videogiochi della vostra infanzia in mobilità (tipo sul treno o sdraiati sul letto), questo è il tutorial che fa per voi. Sul mercato attuale vi sono due alternative per giocare con emulatori e roms on-the-road: acquistare una console che supporti gli emulatori o portarsi dietro il proprio notebook.

L’approccio console è molto valido per portabilità ed giocabilità, ma presenta anche delle limitazioni. Se siete interessati, potete approfondire leggendo questo post (“Sony PSP, Nintendo DS Lite, Gamepark GP2X e Wiz, GameBoy Micro, Dingoo A320, OpenPandora: qual’è la migliore console portatile sul mercato per il retrogaming?“) in cui confronto le console portatili sul mercato sotto l’ottica del retrogamer, ma limitatamente ai fini di questo tutorial sappiate che ancora non esiste una completa emulazione del MAME per console portatile, a meno di non considerare l’acquisto di un’interessantissima console OpenPandora, che sarà presto in vendita a circa 300 euro.

Ma se non abbiamo tutti quei soldini (che pochi non sono..) e/o se non vogliamo portarci appresso l’ennesimo gadget e/o se non vogliamo aspettare mesi prima che esca sul mercato, possiamo costruirci una stupenda MAME box per l’uso on-the-road usando il nostro fidato netbook, in particolare il piccolissimo Asus eeePC 701.

Più che MAME box, sarebbe più corretto definirla “retrogaming box“, perchè, al termine di questo tutorial, saremo capaci di “lanciare” anche le roms per altri emulatori che non siano il MAME, come ad esempio emulatori di NES, SNES, Gameboy, Atari, Dosbox, Sega Megadrive, Nintendo64 e numerosi altri, tramite un’accattivante interfaccia unificata.

Il risultato potete ammirarlo in questo video:

Leggi il seguito di questo post »