[IT] Io & il mio Asus eeePC 701 4G Nero (netbook) / Episodio 5: come trasformare l’eeePC in un eBook reader: la guida completa!

04/05/2009

eeepc_as_ebook_reader_ebookmode

Introduzione:

In questo post vi descriverò tutti i passaggi per trasformare il vostro eeePC in un eBook e comics reader, ovvero in un lettore portatile di libri, magazines e fumetti in formato digitale (pdf, cbr, cbz..). Recentemente, ciò che si è verificato anni fa con l’introduzione dei lettori mp3 portatili, si sta verificando anche per i testi: la gente vuole scaricarli e leggerli on-the-go, piuttosto che perdere tempo a stamparli e/o stancarsi leggendoli sul pc di casa. Sono quindi nati i cosiddetti “ebook reader“, come il recente Kindle 2 di Amazon o il Bookeen Cybook, dispositivi appositamente pensati per la lettura di files di testo on-the-road. Ma per il momento, sia per il prezzo elevato che per le caratteristiche, sono destinati ad un pubblico molto di nicchia, per cui vi insegnerò come ottenere la stessa cosa (anche migliore per certi versi) usando un comunissimo netbook, in particolare un Asus eeePC 701 con schermo da 7′ (il tutorial, però, dovrebbe funzionare su qualsiasi altro netbook), che si compra tranquillamente ad 1/2 o ad un 1/3 del prezzo di un eBook reader classico.

Per meglio capire cosa sarà possibile fare seguendo questo tutorial, guardate il seguente screencast che ho preparato per l’occasione:

e questo video che mostra l’estrema comodità dell’eeePC 701 come eBook reader:

Seguendo il semplice tutorial sottostante (o scaricando lo zip di eeeBookMode già preparato dal sottoscritto), sarete capaci anche voi di fare altrettanto 🙂

Prima di iniziare…

Il tutorial presuppone che abbiate un netbook con sistema operativo Microsoft Windows. Se avete Linux e volete comunque saperne di più, vi invito a leggere tutti gli altri post sull’argomento pubblicati su questo blog prima di proseguire. Tutte le fasi del tutorial sono state svolte usando il mio Asus eeePC 701 con Windows XP Professional SP3 (alleggerito ed ottimizzato con nLite).

Leggi il seguito di questo post »