[IT] The Samsung N145 Plus Netbook Saga – Pt. 2 / Io e lui facciamo amicizia!

13/01/2011

Questo è il primo notebook/netbook Samsung che mi capita sottomano, sia a livello personale che lavorativo. Essendo Samsung entrata da poco nel mobile computing, i suoi portatili sono ancora poco diffusi rispetto ad altri grossi nomi come Acer, Asus, Sony.., per cui non mi era mai capitato di metterci mano prima di adesso. Qualunque informatico con un’esperienza pari o superiore alla mia (ed altrettanto buon senso), quando si approccia ad una nuova macchina, la prima cosa che fa dopo il primo riavvio è formattare e reinstallare una copia pulita di Windows già in suo possesso, perchè quello che le case produttrici di computer ti fanno trovare preinstallato sulla macchina è un sistema tutto tranne che “operativo”. Il Windows che ci trovate sopra, infatti, è scandalosamente lento, intasato, strabordante di (in)utility, barre animate, software trial più invasivi di un call center (Norton anyone?) e via discorrendo.

Avviando per la prima volta questo piccolo Samsung tutto ciò che ho appena descritto era esattamente ciò che mi aspettavo. Invece, perdincibacco!, mi sbagliavo e sono rimasto positivamente colpito dalla pulizia e dall’onestà di Samsung, il cui Windows si avvicina molto alla versione “retail” dello stesso. All’avvio parte subito il setup di Windows Seven, che ti permette di scegliere il nome utente, il fuso orario e altre quattro piccolezze. Niente di nuovo fin quando non appare la finestra di tal “Easy Partition Manager“, che con un semplice wizard ti permette di assegnare alle due partizioni C: e D: esattamente lo spazio che vuoi, o di decidere di usare un’unica partizione. Semplice e geniale.

Tutte le altre case ti fanno trovare il disco già bello e partizionato (solitamente a metà), il che è spesso davvero scomodo. Immaginate, infatti, di avere un portatile con un hard disk da 500 Gb diviso in due partizioni da 250 Gb ciascuna: che cazzo ci fai? Non sarebbe più sensato un C: da, che so, 80 Gb, per Windows ed i programmi, ed un D: da 420 Gb per i dati? O ancora meglio, far scegliere all’utente in base alle sue personali esigenze? Ecco, questa applicazione inserita da Samsung risolve con eleganza una delle tante cattive abitudini degli altri costruttori. Ottima mossa!
Leggi il seguito di questo post »

Annunci