[IT] Come crearsi velocemente una collezione di musica netlabel in quattro semplici mosse!

30/10/2012

Una delle maggiori sfide per chi si avvicina per la prima volta al mondo netlabel / netaudio è quella di volersi creare una ricca collezione di musica gratuita e legale nel più breve tempo possibile. Le netlabels attive in rete sono praticamente infinite ed il materiale da scaricare ed ascoltare è immane, per cui bisogna ingegnarsi affinchè la parte “amministrativa” sia ridotta al minimo e lasci spazio alla parte più rilevante, quella dell’ascolto.

Negli anni passati ho condiviso spessissimo su questo blog innumerevoli trucchetti che ho elaborato per raggiungere suddetto obiettivo, ma è bene fare il punto della situazione in un unico post, per chi soltanto ora affaccia su queste pagine. Le netlabels ed il mondo netaudio in generale non sono autoproduzioni musicali spontanee, che si pescano in maniera totalmente random qua e là nella Rete, ma sono ben strutturate sottoforma di cataloghi, ed è in codesta forma che vanno fruite. Ecco un breve tutorial in quattro passi che vi permetterà di ottenere una collezione musicale degna di nota!
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

[IT] L’importante rapporto tra il sito web di una netlabel e la pubblicazione delle esibizioni live del suo rooster di artisti

27/10/2012

Devo dire che mi ha positivamente colpito la scelta della netlabel portoghese Enough Records, che nell’ultimo restyling del proprio sito ha inserito nella homepage una sezione dedicata alle esibizioni live del proprio rooster di artisti. Questa scelta dovrebbe essere effettuata anche dalle netlabels di casa nostra appena possibile. Da un lato è vero che le releases sono spesso autoproduzioni di “bedroom producers” che non hanno nè i mezzi nè (spesso) la voglia di procurarsi la possibilità di suonare live in giro, ma dall’altro è anche vero che alcuni di loro ci riescono (frequenti sono i djsets, ad esempio), per cui perchè non supportarli? Perchè non far sapere a noi ascoltatori dove suoneranno gli autori delle nostre releases preferite? Anche si trattasse di un piccolissimo pub di paese, perchè non far girare l’informazione? Potremmo trovarci da quelle parti ed avere piacere ad ascoltarli.

Il mio invito è proprio questo: se si gestisce una netlabel, non ci si limiti soltanto alla mera pubblicazione di releases, ma si pubblicizzino le attività (in senso ampio, non solo i live) dei propri artisti, si curi il rapporto professionale che vi lega e si aiuti noi ascoltatori a supportare “fisicamente” questi artisti che hanno scelto una strada alternativa al copyright tradizionale per dare sfogo alla propria vena musicale.


[IT] eldino in Svezia – EP.06 / Andare al lavoro in monopattino

24/10/2012

Penso sia noto a tutti che nei paesi scandinavi, decisamente più civilizzati del nostro, l’automobile sia adoperata in maniera molto meno ossessiva che in Italia, con conseguenti vantaggi a livello ambientale e acustico. Pochissimo traffico nelle ore di punta, ridotto a zero nelle altre fascie orarie, niente strombazzamenti con clacson, niente gente che bestemmia ad ogni semaforo, zero nevrosi quotidiana e aria incredibilmente pulita sono aspetti che colpiscono subito l’italiano attento che si fa un giro da queste parti, inclusa nella capitale Stoccolma che non è esattamente un paesino. E se non usa l’auto, come fa la gente a muoversi e ad andare al lavoro? Con i mezzi pubblici ed in bicicletta, che domande!

La bicicletta in Svezia (come negli altri paesi della Scandinavia) domina sovrana, da pedoni bisogna stare molto più attenti alle biciclette che alle automobili. Neanche il freddo vento polare che soffia all’alba nè la neve fermano gli aitanti ciclisti svedesi, che non rinuncerebbero per nulla al mondo alla propria indipendenza motoria ed eco-sostenibile preferita. Tutto ciò è ovviamente favorito dalla presenza di piste ciclabili su tutto il territorio urbano, spesso persino a doppia corsia (!) e con semafori appositi per i ciclisti (!!), nonchè da parcheggi (coperti e non) per le biciclette e compressori comunali gratuiti (!!!) nei pressi degli stessi per poter gonfiare le gomme. Dulcis in fundo, i treni hanno uno-due vagoni appositamente studiati per chi viaggia con al seguito una bicicletta.
Leggi il seguito di questo post »


[IT] Anche gli SSD muoiono…

21/10/2012

Quando si acquista un SSD si è convinti, incosciamente o meno, che non ci abbandonerà mai, perchè hanno mille-mila qualità e rappresentano un grande balzo in avanti rispetto agli hard disk tradizionali. Niente di più errato, anche gli SSD muoiono. E lo fanno nel modo più subdolo possibile: in silenzio, da un giorno all’altro, senza preavvisarci, al contrario, di quanto (spesso) accade con gli hard disk tradizionali, che fanno rumori metallurgici in stile Transformers prima di lasciarci.

A questa considerazione sono giunto qualche settimana fa, quando uscendo da una sospensione sul mio Macbook Pro, l’OCZ Vertex 2 da 128 Gb amorevolmente acquistato per lui ha deciso di suicidarsi, così, di botto, dopo soltanto un anno e mezzo di utilizzo. Avendo gli ssd Vertex ben tre anni di garanzia del produttore, a breve richiederò una RMA per rimandarglielo indietro, ma la riflessione resta. Un hard disk tradizionale, e ne ho una quindicina, non mi è mai durato così poco, e mi ha sempre “avvisato” prima di morire, in modo da poter salvare i dati salvati dopo l’ultimo backup, ma con questo SSD non è accaduto. Per cui, gli ssd sono indubbiamente un’invenzione fantastica ma andateci cauti, non sono immortali 😉

(Fonte immagine: OCZ)


[IT] Glass Kites – Glass Kites (progressive rock, 2012)

11/10/2012

Uno dei migliori “name your price” che mi sono capitati nelle mie recenti incursioni sulla piattaforma Bandcamp. Loro sono canadesi e permettono il download del loro album anche inserendo zero come importo, conditio sine qua non per essere recensiti su questo blog 🙂 La loro musica è progressive rock melanconico, con influenze math-post e post-rock nell’uso dell’elettronica.

Tracklist:
01 – Intro
02 – Terra
03 – The Body
04 – Soothsayer
05 – Break
06 – Mirror Me
07 – Slowly (Home)
Leggi il seguito di questo post »


[IT] M-Pex – Ignis (electronic – fado, 2012) / [enrmp312]

08/10/2012

Esce caldo caldo dal calderone della netlabel Enough Records un ep fantastico, che miscela insieme sonorità elettroniche con il suono cangiante della chitarra acustica portoghese, generalmente adoperata nella musica tradizionale del piccolo paese iberico (“fado”).

Tracklist:
01 – Materia
02 – Beryllos
03 – Aqua
04 – Ignis
05 – Eter
Leggi il seguito di questo post »


[IT] Un’alternativa gratuita a Foobar per Mac OS X? Clementine!

03/10/2012

Su Mac OS X, chi lo usa da anni lo sa, non c’è mai stata molta scelta di players musicali come su Linux o Windows, così come di software in generale. Adesso con il Mac Store (inorridisco) ci sta qualche app in più, rigorosamente a pagamento, ma da queste parti siamo più propensi al software freeware e a quello open-source, per cui cerchiamo il più possibile di evitare l’esborso di denaro e l’uso del computer a mò di videoregistratore 🙂

Su Windows apprezzo molto Foobar, che sostituisce spesso e volentieri iTunes quando voglio ascoltare musica “fuori libreria“, come album occasionali e non ancora adeguatamente taggati. Foobar è leggero, velocissimo, playlist-based e con un’interfaccia pulita e compatta, oltre ad avere moltissime altre funzioni extra, e si avvia con un doppio click.
Leggi il seguito di questo post »